This content is not available in your region

COP26: l'energia nucleare al tavolo delle discussioni per la prima volta

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
COP26: l'energia nucleare al tavolo delle discussioni per la prima volta
Diritti d'autore  Alastair Grant/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

L'energia nucleare torna prepotentemente a far parlare di sé, in questo periodo di crisi energetica. L'energia atomica arriva per la prima volta sul tavolo delle discussioni alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, in corso a Glasgow. Per il direttore generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA), Rafael Grossi, si tratta di un elemento fondamentale per la transizione energetica.

"L'energia nucleare è una parte della soluzione al surriscaldamento globale", spiega Grossi. "Non c'è modo di evitare questo. Alcuni potranno usarla, altri no, ma è chiaro che l'energia nucleare sta già producendo più del 25-26% dell'energia pulita complessiva a livello mondiale e senza di essa non ce la faremmo mai".

Chi si schiera contro l'energia nucleare giustifica le proprie posizioni con i disastri del passato, da Chernobyl a Fukushima. Chi invece è a favore, ribatte che la sicurezza delle centrali è nettamente migliorata negli ultimi anni.

"Cosa c'è di più efficiente di un impianto che costruisci e ti fornisce energia per quasi 100 anni? Bisogna davvero usare l'immaginazione, per pensare ad alternative come questa", sostiene il 60enne argentino. *Quindi, dobbiamo avere un posto al tavolo. Non è una panacea, potrebbe non essere una soluzione per tutti, ma è un elemento molto importante, che deve far parte della soluzione".

Per vent'anni coloro che difendevano l'energia atomica si sono sentiti esclusi dalle conferenze dell'ONU sul clima. Oggi, per la prima volta, hanno una sedia al tavolo delle discussioni.