EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Violenza donne, a Uffizi busto sfregio Piccolomini Bonarelli

Bernini deturpò sua scultura in impeto di gelosia per l'amata
Bernini deturpò sua scultura in impeto di gelosia per l'amata
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FIRENZE, 02 NOV - Arriva agli Uffizi il busto di Costanza Piccolomini Bonarelli, scolpito nel marmo da Gian Lorenzo Bernini per omaggiare l'amata, ma poi deturpato al volto in un eccesso di gelosia dell'artista: così l'arte antica si riflette nell'attualità, ricordando quanto la violenza di genere sia un dramma senza tempo, con 'Lo sfregio,' in mostra agli Uffizi. A corredo, gli scatti contemporanei di Ilaria Sagaria dedicati alla donne sfigurate con l'acido protagoniste del ciclo 'Il dolore non è un privilegio'. La mostra viene organizzata nel mese in cui ricorre la giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne e pone in dialogo le immagini di Sagaria col capolavoro di Bernini, in prestito dal Bargello. Nel busto in marmo (databile 1637-1638) si ritrae la donna con naturalezza e intimità. Bernini scoperto però il legame di Costanza col fratello Luigi, impazzì di gelosia e sentendosi tradito fece sfregiare il volto marmoreo della donna pur raffigurata con la propria somma arte. Bernini non subì conseguenze per il danneggiamento, invece Costanza venne reclusa in un monastero quattro mesi come punizione. Il direttore Eike Schmidt ha detto che "il busto di Costanza Piccolomini Bonarelli è stato sottoposto a un restauro finanziato dalle Gallerie degli Uffizi: l'opera si può di nuovo apprezzare appieno, grazie a questo simbolico atto di risarcimento, però contro i danni del tempo. In mostra la guardiamo non solo come un capolavoro di uno dei massimi scultori barocchi, ma siamo invitati a riflettere sull'efferata violenza dei forti contro i deboli. E a meditare sul dolore inenarrabile della sopravvivenza". "Nonostante ci siano stati casi di aggressione anche a uomini - ha spiegato Sagaria - queste violenze hanno impatto maggiore sulle donne. Attraverso le loro testimonianze ho ricostruito un racconto che potesse restituire questi momenti senza spettacolarizzarne il dolore". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 18 giugno - Pomeridiane

Gaza, in 100mila protestano a Gerusalemme contro Netanyahu: chiedono elezioni e rilascio ostaggi

Malawi, i funerali di Stato del vicepresidente Chilima: il presidente chiede indagine indipendente