This content is not available in your region

Bolsonaro contestato a Pistoia, Salvini: "È surreale"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Bolsonaro contestato a Pistoia, Salvini: "È surreale"
Diritti d'autore  Luca Bruno/AP

È lo stesso Jair Bolsonaro a fare l'alzabandiera mentre risuona l'inno nazionale in occasione della cerimonia che, a Pistoia, ricorda i soldati brasiliani caduti per la Liberazione dell'Italia nella Seconda Guerra mondiale.

"Nonostante ci separi l'Oceano Atlantico, siamo più vicini che mai, noi siamo fratelli", ha detto Bolsonaro che ha aggiunto:

Quasi 500 brasiliani sono morti qui, ma il sacrificio è valso la vittoria. Oso dire che più importante della vita è la nostra libertà
Jair Bolsonaro
presidente brasiliano

Con il presidente del Brasile Jair Bolsonaro, a Pistoia, al cimitero di San Rocco, è arrivato anche il leader della Lega, Matteo Salvini, che ha ricevuto un invito dell’ambasciata brasiliana.

Salvini ha presentato le sue scuse per le contestazioni che hanno investito Bolsonaro prima ad Anguillara Veneta, nel padovano, dove il presidente brasiliano ha ricevuto la cittadinanza onoraria, e successivamente a Pistoia dove anche il sindaco e il vescovo hanno disertato l'incontro.

"Il fatto che ci sia qualcuno capace di fare polemica, anche in occasione della celebrazione dei Caduti, con un Presidente che è stato eletto in una Repubblica amica, che viene a ricordare migliaia di soldati che hanno combattuto in Italia per liberare l'Italia dalla dittatura nazifascista, è davvero surreale", ha commentato Salvini.

Mi scuso a nome delle istituzioni del popolo italiano per le polemiche incredibili nei confronti di un popolo amico
Matteo Salvini
Leader Lega

Una visita controversa, quella di Bolsonaro in Italia: salutato dalla comunità brasiliana, accolto dal leader della Lega, Matteo Salvini, contestato a più riprese, da Padova a Pistoia.

Per scindere la protesta dall'omaggio ai Caduti, a Pistoia si è tenuta una contro manifestazione, organizzata dall'Anpi e varie sigle della sinistra, per ricordare i soldati brasiliani morti per la liberazione dell'Italia durante la Seconda Guerra mondiale.