Portuali Trieste, sì a protesta, ma dissociati da violenza

"Noi siamo pacifici"
"Noi siamo pacifici"
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 21 OTT - "Come lavoratori portuali di Trieste continueremo nella nostra protesta contro Green pass e obbligo vaccinale: siamo per la libertà di scelta". "Non aderiremo a nessun coordinamento" e ci dissociamo "da gruppi che si stanno creando, soprattutto quelli violenti. Non facciamo parte di quelle fazioni, non vogliamo la violenza. Ci dissociamo da quello che può venir fuori". Lo ha spiegato una delegazione di lavoratori portuali di Trieste durante una conferenza stampa a cui era presente il dimissionario portavoce del Clpt, tra il pubblico e senza intervenire, Stefano Puzzer. I portuali hanno confermato di condividere le idee del "fratello" Puzzer e si sono "scusati per i disagi creati in città" lunedì: "Non erano portuali quelli che hanno fatto la manifestazione ai Campi Elisi nel pomeriggio". Noi, hanno ribadito, "siamo pacifici". I lavoratori hanno quindi precisato che durante la protesta "l'accesso al porto è sempre stato libero" e garantito da loro. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Corte Suprema dà l'ok a Trump: strada spianata verso le elezioni di novembre

Le notizie del giorno | 04 marzo - Serale

Cosa sono la missione Ue Aspides e le altre operazioni nel Mar Rosso: il ruolo dell'Italia