Reddito, scoperti 70 irregolari a Lecco dalla GdF

Inchiesta Milano su 'serbatoi manodopera', indagato anche l'ad
Inchiesta Milano su 'serbatoi manodopera', indagato anche l'ad
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LECCO, 19 OTT - Settanta persone che risultavano aver percepito indebitamente il reddito di cittadinanza, sono state individuate dalla Guardia di Finanza di Lecco. Tra questi, è stato scoperto anche il caso di una persona colpita da interdizione perpetua dai pubblici uffici in quanto condannato in via definitiva per associazione di stampo mafioso. Gli investigatori hanno verificato i requisiti per la legittima percezione del beneficio di una vasta platea in tutta la Provincia. L'inchiesta è stata svolta col coordinamento della Procura della Repubblica di Lecco e con la collaborazione dell'Inps di Lecco che ha provveduto immediatamente a revocare l'erogazione del contributo agli indebiti beneficiari. Il totale delle erogazioni pubbliche indebitamente percepite, per le quali è stata avanzata proposta di sequestro, ammonta a circa 500 mila euro. Se non si fosse avviata l'indagine, il danno erariale per le casse dello Stato e quindi dell'intera collettività sarebbe stato di oltre 1 milione di euro. Sui 70 soggetti individuati, 37 sono di origine extracomunitaria, 30 non hanno il requisito della residenza, 12 hanno una interdizione perpetua dai pubblici uffici, otto non hanno comunicato di avere un familiare convivente in stato di detenzione, alcuni non hanno indicato tutti i redditi percepiti o vincite a giochi online o il possesso di immobili e auto di lusso, mentre altri sono stati individuati mentre lavoravano in "nero". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Udienza per l'estradizione di Assange, gli Usa: Ha messo in pericolo vite innocenti

Le notizie del giorno | 21 febbraio - Serale

La Russia zittisce Radio Free Europe: "Organizzazione indesiderabile"