This content is not available in your region

Germania: Scholz verso la Cancelleria, intesa di massima sul nuovo governo "semaforo"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Annalena Baerbock, Olaf Scholz e Christian Lindner
Annalena Baerbock, Olaf Scholz e Christian Lindner   -   Diritti d'autore  Markus Schreiber/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Olaf Scholz fa un altro passo verso la cancelleria. Dopo giorni di colloqui a porte chiuse, socialdemocratici, verdi e liberali hanno trovato un'intesa per avviare colloqui formali per la formazione di un nuovo governo. Nessuna modifica al Patto di stabilità europeo e al freno sul debito tedesco, aumento del salario minimo a 1 2 euro e stop all'introduzione di nuove tasse sono alcuni dei punti cardine dell'intesa di massima.

"Una questione importante - ha detto Scholz - è la modernizzazione industriale del nostro paese per frenare il cambiamento climatico causato dall'uomo. C'è bisogno di una massiccia espansione delle energie rinnovabili, in modo da abbandonare al più presto l'uso delle risorse fossili. E' ciò che ci siamo prefissati di fare insieme. Sarà il più grande progetto di modernizzazione industriale che la Germania ha probabilmente intrapreso in oltre 100 anni. E porterà grandi benefici alla nostra economia e alle nostre opportunità di sviluppo economico".

"Per non continuare a fare politica in questo paese sulla base di un minimo comune denominatore, ma per assicurare un vero rinnovamento in una coalizione progressista, era importante che ci fosse un'intesa tra i tre partiti e che ognuno facesse qualche concessione, in modo da poter affrontare le grandi questioni del nostro tempo con coraggio - ha detto Annalena Baerbock, co-leader dei Verdi -. Per farlo dobbiamo prendere decisioni coraggiose, in modo da poter davvero avviare il rinnovamento in questo decennio sulle questioni del futuro".

Il leader dei liberali, Christian Lindner, ha sottolineato la differenza nello stile dei colloqui rispetto al passato. "Gli ultimi giorni sono stati particolari - ha detto Lindner -. Tre forze politiche si sono incontrate e hanno organizzato colloqui in un ambiente molto discreto, con serietà e curiosità per le posizioni delle loro controparti. Questo stile da solo segna una rottura nella cultura politica tedesca".

Gli ultimi ostacoli sulla strada della coalizione sono il congresso dei verdi, in programma questo sabato, e la discussione ai vertici del partito liberale da cui dovrà arrivare il via libera all'avvio dei colloqui. Se la trattativa andasse in porto i cristiano-democratici si ritroverebbero all'opposizione per la prima volta in 16 anni.