EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Appiccò incendi a chiese: parroco lo perdona e ritira querela

A processo amico della vittima,. Difesa, è estraneo
A processo amico della vittima,. Difesa, è estraneo
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ANCONA, 11 OTT - Ritira la querela e perdona il piromane delle chiese che per ben 5 volte lo ha minacciato di morte, lasciandogli biglietti in parrocchia e inviandogli lettere anonime per posta. Don Aldo Pieroni, parroco a Camerano, questa mattina lo ha annunciato durante il processo, in corso ad Ancona, a carico di Giuseppe Eusepi, 60 anni, di Chiaravalle, accusato di aver appiccato diversi incendi in varie chiese del circondario tra agosto e novembre 2017. Don Aldo doveva testimoniare sulle minacce subite e dopo le domande dell'accusa il difensore dell'imputato, l'avvocato Marco Flavio Torelli, ha chiesto al religioso se voleva ritirare la querela. "Quest'uomo mi invia lettere di scuse continue - ha detto il parroco - è pentito, mi invia santini, mi chiede sempre scusa. Ritiro le querele certo, ormai l'ho perdonato". Già nelle udienze precedenti, davanti al giudice Lamberto Giusti, altri parroci che hanno subito attentati incendiari hanno voluto ritirare le querele presentate e perdonare il piromane. Il procedimento però va avanti d'ufficio. Eusepi avrebbe agito perché secondo lui la chiesa aiutava solo gli immigrati e in quel periodo sia lui che la moglie non lavoravano. A tradirlo e farlo scoprire era stata una telefonata che lui stesso aveva fatto ai vigili del fuoco per segnalare l'incendio alla chiesa delle Palombare, divampato a novembre 2017. Tramite le telecamere che avevano ripreso l'uomo mentre saliva a bordo di uno scooter, dopo la telefonata fatta da una cabina a Falconara, la polizia lo aveva identificato e denunciato a maggio 2018. Chiuso il dibattimento è stata fissata l'udienza per la discussione e sentenza al prossimo 13 dicembre. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Netanyahu al Congresso Usa: "Guerra a Hamas fino alla vittoria totale"

Fao, "733 milioni di persone hanno sofferto la fame nel 2023"

Hubert Védrine: "Le democrazie rappresentative sono in crisi"