ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Samos, il nuovo campo migranti e "il sollievo" dei locali

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Samos, il nuovo campo migranti e "il sollievo" dei locali
Diritti d'autore  Michael Svarnias/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

L'apertura del nuovo centro migranti a Samos, in Grecia, ha finalmente permeso la chiusura per sempre del vecchio campo, una enorme tendopoli a ridosso delle ultime case del paese che più volte ha sollevato le proteste dei residenti locali.

"Dal 2015 ad oggi ne abbiamo viste tante... Sono accaduti molti fatti e abbiamo subito tanti danni alla proprietà. E anche queste persone hanno sofferto a causa delle orribili condizioni di vita. Ora i profughi se ne sono andati e dopo tutti questi anni, abbiamo fatto un respiro profondo. Siamo stati liberati da una situazione inaccettabile", dice un abitante.

Più volte a Samos la popolazione locale ha inscenato delle proteste, denunciando il degrado a cui erano costretti i migranti. "Non dormo quasi mai e quando riesco a dormire, dormo con un solo occhio. Non so cosa accadrà, c'è molta preoccupazione. Mi sentivo triste, avevo paura. Ci sentivamo in pericolo perché eravamo proprio accanto al campo. Ora è tutto tranquillo e ci sentiamo al sicuro" , dice una donna.

Il paese più vicino al nuovo sito è Mytilinioi. Con la stagione turistica ormai alle spalle, gli abitanti del posto si chiedono se i disagi denunciati per anni non si siano solo trasferiti di qualche chilometro. "Queste persone devono vivere, ma anche noi dobbiamo sentirci al sicuro sulla nostra isola. Quando andavo a scuola, mia nonna lasciava la porta aperta, così potevo entrare in casa tornando da scuola. Questo non può più succedere...".

"Cosa succederà con questo nuovo campo, come funzionerà? Nel vecchio campo c'erano degli enormi buchi nella rete metallica e loro entravano e uscivano quando volevano. Ad un certo punto, molti hanno lasciato il campo, hanno fatto le baracche e così è nata la tendopoli, con il numero di occupanti in continua crescita... senza controlli e senza sorveglianza"

Apostolos Staikos, euronews: "Con l'apertura del nuovo campo, il governo greco pensa di aver finalmente voltato pagina in materia di immigrazione. Inoltre, gli isolani vedono i rifugiati sistemati lontano dai centri urbani e in un numero in costante diminuzione"