This content is not available in your region

La crisi degli alloggi soffoca Berlino

Access to the comments Commenti
Di Kate Brady
euronews_icons_loading
La crisi degli alloggi soffoca Berlino
Diritti d'autore  euronews

Tutto completo a Berlino.

Più dell'80 per cento dei 3,7 milioni di abitanti della capitale tedesca abita in una casa in affitto. Ma con l'arrivo di 350 mila nuovi abitanti nell'ultimo decennio e la carenza di alloggi, i costi sono saliti alle stelle.

A una manifestazione nel centro della città, a due settimane dalle elezioni federali, i partecipanti chiedono fra l'altro il congelamento degli affitti a livello nazionale e la costruzione di nuovi alloggi sociali e a basso costo.

"Non sai più chi sono i tuoi padroni di casa. È qualche società estera", lamenta un manifestante nella folla. E un'altra commenta: "Il costo della vita sale, gli stipendi no".

Congelamento... congelato

Il governo locale l'anno scorso ha varato il cosiddetto "Mietendeckel", una legge che congelava gli affitti per cinque anni, annullato però ad aprile dalla Corte costituzionale perché la regolamentazione degli affitti dipende dal governo federale.

Rainer Wild, dell'Associazione degli inquilini di Berlino, sostiene che il crescente divario fra ricchi e poveri è particolarmente visibile sul mercato immobiliare: "Il problema è che per le famiglie con redditi inferiori alla media i costi abitativi rappresentano il 50 per cento o più delle loro risorse".

Attualmente gli affitti a Berlino costano fra i 5,30 euro per metro quadro per gli appartamenti prefabbricati e gli almeno 13 euro per metro quadro per gli edifici prebellici ristrutturati e i nuovi edifici di lusso.

Da un lato c'è una forte richiesta: a gennaio 214 berlinesi erano in competizione in media per un appartamento. Ma tra le cause principali della crisi degli alloggi berlinese ci sarebbe la vendita a privati di migliaia di appartamenti di proprietà statale nei primi anni 2000.

Un referendum per l'esproprio

"È un problema che da diversi anni cerchiamo non solo di fermare, ma anche di contrastare con la rimunicipalizzazione di alcuni immobili", spiega Wenke Christoph, segretaria di Stato agli alloggi di Berlino.

Il 26 settembre i berlinesi voteranno anche in un controverso referendum sul possibile esproprio di più di 240 mila abitazioni di importanti società immobiliari. Anche se non è giuridicamente vincolante, l'obiettivo è di esercitare pressioni politiche su Berlino.

Nel frattempo vengono già costruiti nuovi alloggi, ma nel distretto nordoccidentale di Berlino-Tegel, l'affittuario Heinz-Jürgen Korte e i suoi vicini sono preoccupati per i progetti degli investitori che hanno acquistato il terreno su cui vivono per costruire condomini costosi: “Naturalmente vogliamo continuare a vivere qui - dice. - Questo non significa che non si debba costruire, Berlino ha bisogno di case. Ma ci impegniamo per lo sviluppo sociale e orientato alla comunità della proprietà".

Per ora il pericolo è scampato, i progetti di costruzione sono fermi. Ma i residenti temono che arriveranno altri a provarci.

La carenza di alloggi e l'aumento degli affitti stanno colpendo anche altre città tedesche. Problemi che molti elettori avranno in mente il giorno del voto.