Venezia: Verdi, Governo sia attento su conflitto interessi

Portavoce nazionali, fare chiarezza su legittimità operazioni
Portavoce nazionali, fare chiarezza su legittimità operazioni
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VENEZIA, 08 SET - "Uno dei luoghi di maggiore rilevanza nazionale e internazionale com'è Venezia, tanto che gode di una legge speciale, merita un'attenzione diretta da parte del Governo per arginare comportamenti scorretti e conflitti di interesse". Lo sottolineano in una nota i co-portavoce nazionali di Europa Verde, Eleonora Evi e Angelo Bonelli. "Già mesi or sono - prosegue la nota - il consigliere comunale di Venezia e storico leader dei Verdi Gianfranco Bettin aveva chiesto al Sindaco Brugnaro che ci fosse un chiarimento radicale in forma pubblica circa i conflitti di interesse su aree di proprietà del Sindaco, oggetto di progetti e interventi rilevantissimi sul piano economico e urbanistico. Oltre a chiedere che sia fatta chiarezza su questa particolare situazione di conflitto di interessi e sulla legittimità di operazioni che non sembrano avere a cuore il futuro della città, il bene comune, la tutela dell'ambiente e la difesa dei diritti dei residenti, vogliamo sottolineare l'importanza di salvaguardare un patrimonio artistico e culturale tra i più ricchi al mondo e un ecosistema meraviglioso e fragile. Vigileremo con tutti i mezzi a disposizione, anche a livello Europeo, affinché Venezia, già penalizzata da malaffare e spreco di denaro pubblico (Mose) - concludono Evi e Bonelli - non debba patire una nuova stagione di speculazione e conflitti di interessi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 24 aprile - Pomeridiane

Crisi climatica, Ue: torna freddo dopo i picchi di caldo a rischio i frutteti

Crisi in Medio Oriente: quale futuro per la difesa comune europea