Trecento in fila prima che apra la camera ardente di Gino Strada

Fiori e messaggi; la presidente di Emergency, era un faro
Fiori e messaggi; la presidente di Emergency, era un faro
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - A circa un'ora dall'apertura della camera ardente di Gino Strada a Casa Emergency, si sono messe in fila circa 300 le persone ordinatamente sotto il sole (e rifocillate con bottigliette d'acqua messe a disposizione dai volontari dell'associazione) in attesa di varcare il cancello d'ingresso, dove sono appesi diversi i mazzi di fiori e i messaggi, tra i quali quello che recita "Ora vai, Gino, continuiamo noi. Ti abbracciamo per sempre" e "Grazie Gino! Quello che lasci resta straordinario come te. Vola alto". Accanto al grande striscione con la scritta "Ciao Gino", Rossella Miccio, presidente della onlus, ha detto ai giornalisti ha raccontato cosa rappresentava il fondatore dell'associazione morto il 13 agosto improvvisamente in Francia. "C'era la consapevolezza che Gino fosse un faro nella nebbia per tantissime persone, avendo avuto il privilegio di lavorarci e di viverci vicino in giro per il mondo per 21 anni, ma - ha osservato - che ci fosse un affetto così profondo, che così tante persone da tutte le latitudini, dal Sudan alla Sierra Leone, malati, pazienti, staff, autorità, gli anziani dei villaggi, si sentissero toccate da quello che ha fatto Gino e dal lavoro di Emergency non me l'aspettavo". "Gino - ha aggiunto - ha saputo creare una comunità di persone legate da principi e valori forti che vanno al di là delle barriere, dei colori della pelle e delle religioni. Credo che questo sia davvero il messaggio forte che ci lascia e che ci impegniamo a portare avanti". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Europa nella morsa della neve: disagi in Germania, Polonia e nel Regno Unito

Slovenia, l'immigrazione al centro del dibattito politico. L'ex primo ministro a Euronews Serbia

Italia, gli attivisti di Greenpeace contro l'Eni: scalata la sede del gigante petrolifero