ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Green pass: a Catania commercianti attenti ma con polemiche

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Fila davanti castel Ursino, tutti vaccinati
Fila davanti castel Ursino, tutti vaccinati
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – CATANIA, 06 AGO – Test superato stamane a Catania,
sebbene con qualche polemica, in occasione dell’entrata in
vigore dell’obbligatorietà del Green pass per accedere a
ristoranti e bar al chiuso, in palestre, piscine e musei. I bar
del centro storico del capoluogo etneo stamane erano affollati
di turisti tutti muniti di Green pass. Scrupolosi e attenti i
commercianti, che non hanno esitato a dire no a chi non ne era
provvisto. “Qui non si siede nessuno a mangiare senza Green
pass. Chi non c’e l’ha può andare a casa – dice Filippo
Gagliano, 62 anni, che lavora in un negozio di delikatessen nel
centro di Catania, chiedendosi però “perché non è obbligato ad
avere il Green pass lo stesso personale”. Molti i turisti stamane a Catania che hanno visitato i siti
culturali gestiti dal Comune, tra i quali il Museo ospitato nel
Castello Ursino. Fuori c‘è una comitiva di ragazzine marchigiane
in vacanza, tutte munite di Green Pass. “Abbiamo tutte fatto il
vaccino – dice una di loro, Cristina, 19 anni – e siamo
favorevoli a questa iniziativa”. Dentro ad accoglierle ci sono
il direttore del settore Cultura del Comune di Catania Paolo Di
Caro e la responsabile della rete mussale Valentina Noto.
“Stamane nel Castello Ursino – dice Di Caro – è venuta già una
trentina di turisti, anche stranieri, tutti con il Green pass
sullo smartphone. Qui ad aiutarci ci sono i ragazzi del servizio
civile. Non abbiamo fatto entrare solamente una coppia di
turisti italiani, che era contraria al Green pass”. “Osserviamo
le regole e non facciamo entrare a sedersi nessuno – dice
Cristiano Titola, 23 anni, titolare di un bar tabacchi molto
frequentato alle porte del capoluogo – ma non siamo d’accordo.
Questa cosa del Green Pass è scorretta. Noi titolari di bar e
ristoranti siamo stati quelli che abbiamo pagato di più per
questa pandemia. Su 100 persone 70 non hanno fatto il vaccino e
non hanno Green pass e io non posso farli entrare? Con la crisi
che abbiamo avuto? Al bar tra consumare al banco o seduti che
differenza c‘è?”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.