EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Rogo Oristanese: ancora in azione 5 elicotteri e 6 Canadair

Fuoco anche a Bottida nel Sassarese, fiamme vicino alle case
Fuoco anche a Bottida nel Sassarese, fiamme vicino alle case
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ORISTANO, 28 LUG - Proseguono interrottamente le operazioni di bonifica ma anche per domare i focolai del gigantesco rogo che ha devastato il Montiferru, nell'Oristanese, e che continua a bruciare ormai da sei giorni. Attualmente le squadre a terra di Protezione civile, Corpo forestale, Vigili del fuoco e Volontari lavorano nell'area compresa tra Scano di Montiferro e Cuglieri, spostandosi di focolaio in focolaio. In loro aiuto ci sono cinque elicotteri della flotta regionale partiti dalle basi di Farcana, Fenosu, Sorgono e Bosa, il Super Puma e sei Canadair, quattro della flotta nazionale e due francesi. E mentre si lavora per spegnere definitivamente il gigantesco rogo, si registrano altri incendi in diverse zone dell'Isola. Preoccupa la situazione a Bottida, in località Nuraghe Sa Pietade, nel Sassarese, dove le fiamme minacciano le abitazioni del paese. Accanto alle squadre a terra stanno lanciando bombe d'acqua sulla zona due elicotteri, il Super Puma e due Canadair. Non si registrano al momento case evacuate. Due elicotteri stanno intervenendo anche sul rogo ancora attivo a Serri, nel Sud Sardegna, mentre sono stati già spenti gli incendi divampati a San Basilio, sempre nel Sud Sardegna e a Tortolì in Ogliastra. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti, al coro di Dem che chiede il ritiro di Biden si sarebbero aggiunti Obama e Pelosi

Israele: attacco con droni su Tel Aviv rivendicato dagli Houthi, un morto

Trump accetta la nomination repubblicana: il racconto dell'attentato e i rapporti con Orbán e Russia