Recuperati 250 kg di sabbia e ciottoli rubati a Villasimius

Associazione, preferiscono tornare a casa con 1000 euro di multa
Associazione, preferiscono tornare a casa con 1000 euro di multa
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 24 LUG - Non sono serviti gli appelli degli anni scorsi e neppure lo spot dell'Agenzia del Demanio e della Regione che quest'anno hanno messo in campo testimonial d'eccezione per fermare le ruberie di sabbia e pietre dalle spiagge della Sardegna. Dopo gli 11 turisti multati per avere sottratto nelle ultime settimane sabbia e sassi dai litorali, ora si scopre che nei giorni scorsi altri villeggianti cercavano di portare fuori dall'Isola 250 chili di materiale "rubato" dalle spiagge di Villasimius. Sabbia e ciottoli che oggi tornano a casa, fa sapere l'associazione Sardegna Rubata e Depredata che su Facebook rilancia la notizia del ritrovamento. "Eppure è un concetto semplice da capire, dell'ecosistema spiaggia non si deve portare via niente - scrive l'associazione che da anni si occupa della tutela dei litorali - Per chi non ha le capacità di capirlo da solo non mancano le informazioni, gli avvisi, gli spot e la martellante campagna divulgativa.... Ma niente, questi preferiscono tornare a casa con una multa da 1000 euro. Gli instancabili amici del corpo delle Guardie Ambientali di Villasimius riporteranno ogni singolo granello nel luogo che gli compete". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grecia, boom di video porno deepfake: spesso le vittime sono minorenni

La Cina tenta di negoziare colloqui tra Russia e Ucraina, Berlino accusa Mosca della fuga di notizie

Svizzera, referendum pensioni: sì ad aumento, no all'età a 66 anni