ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Nord Stream 2, Merkel assicura a Biden che non verrà usato per scopi politici

Access to the comments Commenti
Di Eloisa Covelli Agenzie:  Ansa
euronews_icons_loading
Nord Stream 2, Merkel assicura a Biden che non verrà usato per scopi politici
Diritti d'autore  Jens Buettner/(c) dpa-Zentralbild
Dimensioni di testo Aa Aa

Accordo trovato tra Germania e Stati Uniti sul Nord Stream 2, il gasdotto quasi finito che raddoppierà la quantità di gas naturale che la Russia esporta in Europa. Il governo americano teme che questo verrà usato come arma politica da parte di Putin. Ma se Obama e Trump hanno fatto una dura opposizione al progetto, Biden si trova ormai a cose fatte (il 98 percento delle tubature sono già installate nel Mar Baltico) per cui si è limitato ad accettare le rassicurazioni della Cancelliera Angela Merkel in visita negli Stati Uniti.

La Germania si è impegnata a contrastare qualsiasi tentativo della Russia di usare il gasdotto come un'arma o come un atto ostile verso l'Ucraina. La Germania si è impegnata anche a livello europeo per limitare l'export russo nel settore energetico.
Victoria Nuland
Sottosegretaria di Stato per gli affari politici

Dopo la Cancelliera Merkel, Biden si prepara a ricevere il 30 agosto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, per nulla contento del progetto.

Mosca continuerà a pagare a Kiev i diritti di transito pari a 3 miliardi di dollari l'anno, in base a un accordo tra Russia e Ucraina che scade nel 2024 e che potrebbe essere prolungato, secondo quanto Putin ha detto al telefono ad Angela Merkel. Inoltre Stati Uniti e Germania si sono impegnate ad aumentare gli investimenti nel settore energetico ucraino. In particolare ben 50 milioni di dollari sarebbero pronti per ammodernare le infrastrutture e sviluppare il settore delle energie rinnovabili.

Il Nord Stream 2 costerà in totale circa 11 miliardi di dollari, è lungo oltre 1.200 chilometri e trasporterà 27,5 miliardi di metri cubi l'anno di gas naturale che si aggiungono ai 27,5 miliardi di metri cubi dell'originario Nord Stream. Potrebbe essere operativo già da agosto.

L'azionista di maggioranza del progetto è il colosso energetico Gazprom. A capo della società c'è un ex agente della Stasi, nonché amico di Vladimir Putin, Matthias Warnig.

C'è anche un po' d'Italia nell'opera, soprattutto con Saipem che ha posato i tubi in mare e Snamprogetti che si è occupata dell'ingegneristica di progettazione.