This content is not available in your region

Ottenevano illecitamente finanziamenti garantiti, un arresto

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Sequestrati beni e soldi per 2,3 milioni di euro. 41 indagati
Sequestrati beni e soldi per 2,3 milioni di euro. 41 indagati

(ANSA) – ROMA, 21 LUG – Ottenevano finanziamenti dalle
banche, garantiti dallo Stato, a favore di società fantasma che
poi venivano fatte fallire. La guardia di finanza di Genova
insieme all’agenzia delle Dogane ha arrestato una persona e
sequestrato beni mobili e immobili. In particolare, i funzionari
ed i militari operanti hanno sequestrato conti correnti e altri
rapporti finanziari per un valore di oltre 2,3 milioni di euro.

L’inchiesta nasce da una precedente attività che aveva scoperto una maxi frode fiscale nel settore della commercializzazione di veicoli di pregio con evasione dell’Iva. Nel corso dell’indagine gli investigatori avevano scoperto che le società ‘cartiere’ utilizzate per l’acquisto dei veicoli, una volta esaurito il loro primario compito ‘truffaldino’, venivano utilizzate per acquisire anche finanziamenti bancari di notevole importo, perlopiù garantiti dallo Stato Italiano tramite il Fondo di garanzia del medio credito centrale. Sono state verificate oltre 100 mila operazioni bancarie. Sono 41 le persone indagate. Gli investigatori hanno scoperto che il sodalizio operava attraverso la preventiva costituzione o acquisizione del controllo – tramite soggetti ‘prestanome’ – di una vera e propria galassia di società di capitali (molte delle quali sull’orlo del fallimento e tutte rigorosamente inattive); i bilanci delle società, artatamente falsificati, venivano successivamente utilizzati al fine di attrarre ingenti finanziamenti erogati dal sistema bancario ed assistiti oltremodo dalla garanzia statale a favore delle medie imprese. Nel complesso, la frode ha permesso di acquisire in modo del tutto illegittimo finanziamenti per complessivi 6,9 milioni di euro, dei quali 1,7 garantiti dallo Stato; denaro che, una volta preso dalle predette società ‘cartiere’, è stato distratto e anche reinvestito in ulteriori attività economiche inquinando il tessuto dell’economia legale. Le società ‘cartiere’ sono state fatte fallire con un danno per i creditori. (ANSA).
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.