ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il Commissario europeo Sinkevicius: "Serve un accordo in stile-Parigi per la biodiversità"

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews
euronews_icons_loading
Forza e coraggio, api!
Forza e coraggio, api!   -   Diritti d'autore  ANDY DUBACK/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Parola d'ordine: biodiversità.

Alla vigilia del G20 dell'ambiente a Napoli, in programma giovedì 22 e venerdì 23 luglio, a Brdo, in Slovenia, si è tenuta la riunione informale dei ministri dell'Ambiente degli Stati dell'Unione europea, organizzata dalla presidenza di turno slovena del Consiglio europeo e presieduta dal ministro sloveno dell'Ambiente, Andrej Vizjak.

L'incontro ha avuto l'obiettivo di preparare le conferenze dell'Onu sulla protezione della biodiversità e sul clima, previste in autunno in Cina e in Scozia.

Euronews
Foto di...famiglia europea.Euronews

La Conferenza sulla biodiversità (COP15) è prevista a Kunming (Cina) a ottobre, mentre la Conferenza sul clima (COP26) si terrà a Glasgow (Scozia) a novembre.

"Serve un Accordo stile-Parigi per la biodiversità"

Virginijus Sinkevicius, il Commissario europeo all'Ambiente, ha presentato un piano molto deciso.
"Abbiamo bisogno di un'azione trasformativa urgente, perché raggiungere un quadro post-2020 molto ambizioso è una priorità di primo livello per la Commissione. Abbiamo bisogno di un Accordo in stile-Parigi per la biodiversità.

"Il nostro obiettivo è proteggere almeno il 30% delle nostre terre e il 30% dei nostri mari entro il 2030".
Virginijus Sinkevicius
30 anni, lituano, Commissario europeo all'Ambiente

"Nelle nostre discussioni con i ministri", continua il Commissario europeo, "ho sottolineato una serie di elementi molto positivi nel progetto preliminare del quadro globale per la biodiversità post-2020, che è stato pubblicato la scorsa settimana, come, ad esempio, l'obiettivo di proteggere almeno il 30% delle nostre terre e il 30% dei nostri mari entro il 2030".

AP
Virginijus Sinkevicius, Commissario Ue all'Ambiente.AP

"Siamo preoccupati per gli impollinatori selvatici"

Andrej Vizjak, ministro sloveno dell'Ambiente, tifa per...le api.
"La Slovenia, in quanto promotrice della Giornata mondiale delle api, presta grande attenzione agli impollinatori, compresi quelli selvatici. Siamo preoccupati per il declino degli impollinatori selvatici - api, vespe, farfalle e coleotteri - e le conseguenze per la biodiversità, l'ecosistema e la società".

AP
Andrej Vizjak, ministro sloveno dell'Ambiente.AP

Secondo una ricerca dell'Ue, gli impollinatori selvatici forniscono all'agricoltura europa un contributo valutato in circa 15 miliardi di euro. Ma il loro numero è in costante declino, a causa delle attività umane e dei cambiamenti climatici.