ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Guardia Costiera: amm. Pettorino saluta, visitati i 288 presidi

Di ANSA
In pensione da 24/7. "Bellissimo incontro,11mila servono Paese"
In pensione da 24/7. "Bellissimo incontro,11mila servono Paese"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ANCONA, 14 LUG – In vista di lasciare la guida
del Comando generale delle Capitanerie di Porto, il 24 luglio
per raggiunti limiti d’età, l’ammiraglio Giovanni Pettorino ha
visitato i 288 presidi della Guardia Costiera in cui prestano
servizio 11mila tra uomini e donne. Lo ha riferito lo stesso
Pettorino ad Ancona, dove è stato direttore marittimo e
Comandante del porto tra il 2010 e il 2013 e dove si è
‘insediato’ oggi come Commissario dell’Autorità di sistema
portuale del Mare Adriatico Centrale. La decisione di visitare i
presidi l’aveva presa prima di sapere del nuovo incarico, con
l’intento di lasciare per ultima la piccola “Seziomare” di
Falconara Marittima (Ancona) che “insieme a quelle di Sarroch
(Sardegna) e Santa Panagia (Sicilia) sono quelle in cui arriva
la maggior parte degli idrocarburi in Italia”. Oggi l’ammiraglio
ha completato il giro a Falconara anche per salutare amici e
colleghi in vista della ‘pensione’: “il destino ha voluto che
tornassi in un’altra veste…”. “Un momento bellissimo aver incontrato tutti gli 11mila
uomini e donni della guardia costiera che ogni giorno servono il
Paese e sono al servizio degli interessi marittimi e portuali
del nostro Paese, – ha detto l’ammiraglio -, importanti perché
dai porti prendiamo parte importante del pil: quello di Ancona
per il 3% discende dal porto. Uomini e donne che – ha ricordato
- in questi anni continuano, tra tante emergenze, in mare e
soccorsi, a servire gli interessi marittimi di un Paese come il
nostro che sul mare ha un ruolo fondamentale, come sul mare e
nei porti le Adsp (56 porti; ndr) hanno un ruolo fondamentale e
cioè gestire le porte d’ingresso del nostro Paese”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.