ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Saluto fascista a funerale,per Tribunale Sassari non è reato

Di ANSA
Assolti 22 attivisti di CasaPound tra cui il figlio del defunto
Assolti 22 attivisti di CasaPound tra cui il figlio del defunto
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – SASSARI, 08 LUG – Inscenare il saluto fascista
davanti a un feretro sul sagrato di una chiesa, come ultimo
addio al caro defunto, non è reato. Lo ha stabilito il giudice
del Tribunale di Sassari, Sergio De Luca, assolvendo “perché il
fatto non sussiste” i 22 esponenti di CasaPound Italia accusati
dal procuratore Giovanni Caria e dal sostituto Paolo Piras, di
aver infranto la legge Scelba che, all’art. 5, punisce “chiunque
con parole, gesti o in qualunque altro modo compie pubblicamente
manifestazioni usuali al disciolto partito fascista”. Gli imputati, a margine del funerale del docente
universitario Giampiero Todini celebrato il 2 settembre 2018
nella parrocchia di San Giuseppe, a Sassari, resero omaggio al
feretro con il saluto romano, per strada, sul sagrato della
chiesa, alzando il braccio destro e rispondendo con il grido
“Presente” al richiamo “Camerata Giampiero Todini”. Il video
dell’estremo saluto, pubblicato su Facebook e poi cancellato dal
figlio del defunto, Luigi Todini – anche lui imputato – era
diventato virale per la condivisione di persone che lo
criticavano aspramente. Nei confronti di tutti gli imputati il pm aveva chiesto la
condanna a due mesi di reclusione e al pagamento di 200 euro di
multa. Le difese avevano invece sollecitato l’assoluzione perché
il saluto fascista era stato un gesto che esaudiva il desiderio
espresso dal defunto prima di morire, e non celava nessun
intento di inneggiare al partito del Duce. Tesi ribadite oggi in
aula nelle controrepliche sia del pm, sia degli avvocati Antonio
Mereu, Pierluigi Olivieri, Agostinangelo Marras e Bachisio
Basoli. “La sentenza di oggi – commenta Luigi Todini – rappresenta la
conferma che la libertà di opinione e la libera manifestazione
del pensiero siano valori costituzionalmente garantiti. La
giustizia ha fatto il suo corso”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.