Variante Delta: scatta tracciamento turisti in Sardegna

Preoccupa anche variante Delta ma ospedali restano vuoti
Preoccupa anche variante Delta ma ospedali restano vuoti
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 05 LUG - E' scattato oggi il piano della Regione Sardegna per il tracciamento di casi Covid e, in particolare, di varianti Delta, nelle località costiere a maggior afflusso dei turisti. Si parte dalla Gallura, ma poi si arriverà anche negli altri territori isolani con migliaia di tamponi pronti all'uso. "Si parte oggi: il piano già prevede 2500 test molecolari giornalieri che si aggiungono alle 2700 giornalieri che dobbiamo fare - spiega all'ANSA il commissario straordinario Ares-Ats Massimo Temussi - ora forniamo tamponi antigenici nelle zone con maggiore afflusso turistico con il supporto dell'igiene pubblica e andiamo avanti". Il piano, predisposto in collaborazione tra Assessorato e Ats, rappresenta una vera e propria un'azione di prevenzione nel momento in cui la Regione non intende abbassare la guardia di fronte all'incedere della variante Delta nell'Isola, con i primi casi già sequenziati nei laboratori di Cagliari, Sassari e Nuoro. In base all'ultimo rapporto dell'Iss e del ministero della Salute, riferito alla giornata del 22 giugno scorso, infatti, la Sardegna con il 66,7% è seconda in Italia dopo il Friuli Venezia Giulia per incidenza della variante ex indiana. Anche l'ultimo sequenziamento dei laboratori dell'Aou ha registrato tre casi su un campione di dieci positivi. Gli altri sette sono di variante inglese. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, Russia: conflitto "inevitabile" con la Nato se invia truppe, Roma e Berlino frenano

Maltempo, a Venezia torna l'acqua alta, allagata piazza San Marco

Germania: manifestazioni pro Ucraina a due anni dall'invasione russa