ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Sanità, mancano medici, servizio 118 a rischio in Molise

Di ANSA
Giordano (Omceo), con arrivo estate situazione ancora più grave
Giordano (Omceo), con arrivo estate situazione ancora più grave
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – CAMPOBASSO, 03 LUG – “La carenza di personale sta
mettendo in discussione la sicurezza dei pazienti e la tenuta
del sistema salute”. Lo afferma Antonella Giordano, consigliera
dell’Ordine dei Medici (Omceo) di Campobasso e medico del 118
nella postazione di Riccia (Campobasso). “La situazione era già
critica, ma adesso nei mesi estivi, per via delle ferie – spiega
- il servizio di emergenza potrebbe non garantire un tempestivo
intervento. Già da qualche giorno sono rimaste senza il medico
le postazioni di Sant’Elia a Pianisi, Castelmauro (Campobasso) e
Cerro al Volturno (Isernia) e quando la postazione viene
demedicalizzata il rischio di non arrivare in tempo, soprattutto
per le patologie tempo-dipendenti, aumenta fortemente”. Le postazioni del 118 in Molise sono 18. Ciascuna è composta
da quattro persone: due soccorritori (di cui uno autista), un
infermiere e un medico. “Se il team che corre in soccorso non ha
il medico – aggiunge – è l’infermiere a dover comprendere la
gravità ed eventualmente allertare il medico che, se non
impegnato in altro intervento, dovrà giungere a sua volta sul
posto con un’inevitabile dilatazione dei tempi di intervento. La
pianta organica – spiega – prevede 6 medici per postazione, 96
in tutto. In forze al momento ne contiamo 54, numero che con
l’estate scende a 40. Per ogni postazione, insomma, possiamo
contare solo su 2 o 3 medici. Questo perché molti medici sono
passati alla medicina generale e i giovani medici non rispondono
agli avvisi pubblici perché si orientano verso altre specialità.
Il 118 è un punto fondamentale sul territorio e deve continuare
ad esistere con ogni postazione medicalizzata, come previsto fin
dalla sua istituzione. Solo così si garantirà il tempestivo
intervento nelle patologie tempo dipendenti, negli arresti
cardiaci e nelle situazioni di pre-arresto, senza contare -
conclude – che un valido servizio sul territorio impedisce il
ricorso eccessivo al Pronto soccorso anche questo in grave
sofferenza per carenza di medici”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.