ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Saman: difesa del cugino, ha risposto a tutto e chiarito

Di ANSA
Interrogatorio fiume durato 12 ore in carcere
Interrogatorio fiume durato 12 ore in carcere
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – REGGIOEMILIA, 03 LUG – “Il nostro assistito ha
risposto a tutte le domande. Con questo interrogatorio ha
chiarito definitivamente la sua posizione”. Così gli avvocati
difensori Domenico Noris Bucchi e Luigi Scarcella all’ANSA, dopo
l’interrogatorio fiume di ieri in carcere a Reggio Emilia -
durato dalle 15 a mezzanotte – a cui si è sottoposto su sua
richiesta Ikram Ijaz, il 28enne cugino di Saman Abbas, la
ragazza pachistana scomparsa da due mesi e che si presume sia
stata uccisa a Novellara (Reggio Emilia). Il giovane – che era stato arrestato (l’unico della vicenda)
il 28 maggio scorso in Francia mentre stava fuggendo in Spagna a
bordo di un autobus – è accusato di omicidio premeditato in
concorso con i genitori di Saman, lo zio (ritenuto l’esecutore
materiale del delitto) e a un altro cugino, tutti ricercati e
latitanti tra il Pakistan e l’Europa. Ikram era stato ripreso
dalle telecamere dell’abitazione degli Abbas il 29 aprile, il
giorno precedente del presunto omicidio, mentre con una pala si
dirigeva verso i campi, secondo i carabinieri e la Procura
reggiana, a scavare la buca per occultare il cadavere. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.