>ANSA-IL-PUNTO/COVID: variante Delta predomina in Sardegna

Nuovo reparto dedicato a positivi al SS. Trinità di Cagliari
Nuovo reparto dedicato a positivi al SS. Trinità di Cagliari
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 02 LUG - In una solo giorno la Sardegna ha registrato una prevalenza del 66,7% di variante Delta, il secondo dato più alto in Italia dopo il Friuli Venezia Giulia (70,6%). Questo non significa che la variante sia del tutto predominate, ma che questo ceppo desta particolare attenzione e preoccupazione, soprattutto per il fatto che i casi sono riconducibili ad arrivi fuori dall'Isola. Ma c'è di più: i contagi sequenziati nel laboratorio dell'Aou di Cagliari evidenziano che i pazienti positivi al ceppo ex indiano avevano ricevuto una sola dose di vaccino. "Non hanno sviluppato sintomi - spiega Ferdinando Coghe, direttore del laboratorio analisi chimico cliniche e microbiologia dell'Aou - e il decorso della positività è durato un lasso di tempo, meno di 10 giorni, inferiore a quello ordinario". In generale nella maggior parte di nuovi ricoveri, almeno per quanto riguarda i reparti Covid di Cagliari e Nuoro, sono i non immunizzati a sviluppare sintomi che richiedono un decorso ospedaliero. "Questa rapida indagine - sottolinea Coghe - ci dice che i pazienti non vaccinati hanno maggiore suscettibilità di infettarsi e quindi l'appello che rivolgo è quello di vaccinare". Attualmente il 55,72% dei sardi ha già ottenuto la prima dose, mentre il 30,11% ha fatto anche i richiami, ma - come sottolineato dalla Fondazione Gimbe - il 16% non ha avuto nemmeno una somministrazione: tra questi c'è il caso di 111mila over 60. Ora però l'Ats sta lavorando ad un programma dedicato agli ultrasessantenni per cercare di vaccinarli il prima possibile. Anche i dati dell'ultima settimana parlano di un lieve aumento dei contagi, un incremento del 38% ma con numeri irrilevanti, ha spiegato Gimbe. Oggi si contano 25 nuovi casi, quando da giorni il numero è sempre stato sotto i 20. Decessi in altalena ma contenuti e talvolta anche a quota zero. Bene la situazione negli ospedali, dove la pressione resta molto al di sotto delle soglie di allarme: 1% nelle terapie intensive e 3% in area medica (dati Agenas). Spiccano i casi di Oristano e Sassari, dove hanno chiuso definitvamente i reparti Covid. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svizzera: referendum per la riforma delle pensioni, urne aperte

Gaza: proteste a Tel Aviv e Gerusalemme, attesa la reazione di Hamas per il cessate il fuoco

Missili Taurus a Kiev, Mosca intercetta ufficiali tedeschi: è polemica