Omicidio Desireé: domani la sentenza, chiesti quattro ergastoli

Sul banco degli imputati quattro cittadini africani
Sul banco degli imputati quattro cittadini africani
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 18 GIU - E' attesa per domani la sentenza per l'omicidio di Desireè Mariottini, la 16 enne di Cisterna di Latina, avvenuta il 19 ottobre del 2018 a Roma in uno stabile abbandonato nel quartiere San Lorenzo. I giudici della III Corte d'Assise di Roma sono chiamati a valutare la richiesta di quattro ergastoli avanzata dalla Procura nei confronti di cittadini africani accusati di avere violentato e ucciso con un mix di droghe la minorenne. Sul banco degli imputati Alinno Chima, Mamadou Gara, Yussef Salia e Brian Minthe. Nei loro confronti le accuse vanno, a seconda delle posizioni, dall'omicidio volontario, violenza sessuale aggravata e cessione di stupefacenti a minori. I pm Maria Monteleone e Stefano Pizza hanno sollecitato il carcere a vita con l'isolamento diurno per tutti mentre hanno chiesto l'assoluzione per Gara solo dalle accuse di cessione di stupefacenti e induzione alla prostituzione. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crisi climatica, Ue: torna freddo dopo i picchi di caldo a rischio i frutteti

Crisi in Medio Oriente: quale futuro per la difesa comune europea

Clima, Grecia: sembra di stare su Marte, è Atene