ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Arte: beni archeologici confiscati e donati a Museo Altamura

Di ANSA
Trovati in una casa di Gravina in Puglia, detentore denunciato
Trovati in una casa di Gravina in Puglia, detentore denunciato
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BARI, 16 GIU – Diciannove manufatti in terracotta
risalenti alla fine del V secolo e l’inizio del IV secolo a.C.
sono stati sequestrati dalla guardia di Finanza n casa di un
cittadino di Gravina in Puglia, denunciato per violazione delle
disposizioni contenute nel Codice dei beni culturali e
paesaggio, e – dopo la confisca – assegnati al Museo nazionale
di Altamura.
Il detentore dei reperti archeologici, che non è stato in grado
di dimostrare la legittimità dell’acquisto, li custodiva in una
vetrinetta, in casa, senza averne fatto denuncia al Ministero
per i beni e le attività culturali e per il turismo. I
finanzieri hanno scoperto i beni durante controlli nei confronti
di un’associazione culturale. Gli accertamenti tecnici hanno
consentito di verificare che si tratta di “materiale autentico,
di interesse culturale e archeologico rinveniente da contesti
tombali”. In particolare sono stati sequestrati: 2 kothon a
fascia monoansata, ciotola rotolo convessa monoansata, coppetta
ad alto piede a fascia, piatto ad alto piede a motivi fitomorfi
di composto, 2 pentolini rituali, stabnoss a decorazione lineare
con coperchio, olpetta a vernice bruna, 2 brocchette monoansate
a decorazione lineare, piatto su piede ad anello a decorazione
lineare, kylix ad alto piede a vernice rossa, brocca a fascia
monoansata, piatto su piede a fascia bicroma rossonera, piatto
monocromo con vernice caduta, calice a fasce ad alto piede,
frammento di labbro con ansa riferibile a brocca, frammento di
base di calice. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.