Milano Pride, edizione 2021 torna in piazza per i diritti

Dal 18 al 27 luglio 'sosterremo a gran voce il ddl Zan'
Dal 18 al 27 luglio 'sosterremo a gran voce il ddl Zan'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 15 GIU - Dopo lo stop dello scorso anno dovuto al Covid, il Milano Pride nell'edizione 2021 dal 18 al 27 luglio torna in piazza, in presenza, con le misure di sicurezza del caso come distanziamento e mascherine, con il tema 'Ripartiamo dai diritti' per sostenere l'approvazione del ddl Zan, contro l'omotransfobia. "Questa sarà l'edizione in cui sosterremo a gran voce il ddl Zan e ci impegneremo alla divulgazione onesta e puntuale di quanto questa legge sia necessaria", ha sottolineato Tiziana Fisichella, coordinatrice del Milano Pride, nel corso della conferenza stampa di presentazione. Durante la settimana del Milano Pride ci saranno eventi, spettacoli di teatro, installazioni luminose, talk e spazi dedicati alle famiglie e, sabato 26 ci sarà, al posto della tradizionale parata, un evento finale all'Arco della Pace con ospiti e performance. Dal palco si leveranno le voci delle associazioni del Coordinamento Arcobaleno, il coordinamento delle associazioni LGBTQIA+ di Milano e Città metropolitana. Ci saranno anche rappresentanti delle istituzioni e momenti di intrattenimento, con i presentatori Annie Mazzola, Dario Spada e Daniele Gattano e la presenza di numerosi ospiti fra cui Alessandro Zan. Con la Rainbow Ride tutti potranno supportare invece l'approvazione del ddl Zan, in bicicletta, correndo, a piedi o sulla sedia a rotelle. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Morte di Navalny: il funerale l'1 marzo a Mosca

Francia, fa discutere il trasferimento di 195 migranti da Mayotte a un castello alle porte di Parigi

Texas, decine di incendi fuori controllo: bruciati 300mila acri, evacuata fabbrica di armi nucleari