ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Storico cambio della guardia in Israele: via Netanyahu, arriva Bennett (e poi toccherà a Lapid)

Di Cristiano Tassinari  & Euronews World - Agenzie internazionali
euronews_icons_loading
L'uomo nuovo di Israele: il premier Naftali Bennett.
L'uomo nuovo di Israele: il premier Naftali Bennett.   -   Diritti d'autore  Ariel Schalit/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Storico cambio della guardia in Israele.

A poche ore dall'approvazione - per un solo voto (60 a 59) - della Knesset, il Parlamento israeliano, del nuovo governo, il nuovo primo ministro Naftali Bennett si è rivolto ai suoi ministri. incitandoli a contribuire per migliorare (e risanare) un paese profondamente diviso.

Bennett guiderà un governo che appare comunque fragile, composto da otto partiti con notevoli differenze ideologiche, tra cui - per la prima volta dalla nascita di Israele - un partito arabo-israeliano, il Raam, acronimo di Lista Araba Unita.

Ariel Schalit/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Da dietro le quinte, sbuca il nuovo premier Naftali Bennett.Ariel Schalit/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

Ci sono anche Lapid, Gantz e Liberman

Il governo è cosi composto: Yesh Atid (il movimento di Yair Lapid), Yamina del premier Bennett, i laburisti, Meretz, la Lista Araba Unita (che comprende due partiti), Kahol Lavan ("Bianco e Blu", il partito di Benny Gantz, già fallimentare "co-inquilino" al governo con Netanyahu) e Yisrael Beiteinu (il leader è Avigdor Liberman).

La prima dichiarazione del nuovo premier:

"Ora il popolo di Israele, tutti i nostri connazionali, ci stanno guardando e l'onere della prova è su di noi. Lavoreremo insieme con responsabilità per ricucire le fratture nel paese".
Naftali Bennett
49 anni, primo ministro di Israele

Bennett, 49 anni, nazionalista di destra, leader della coalizione Yamina, sarà primo ministro fino al settembre 2023. Poi, secondo l'accordo di governo, passerà il testimone al centrista Yair Lapid, che ora è il nuovo ministro degli Esteri.

AP
Tutti insieme appassionatamente: Avigdor Lieberman, Benny Gantz, Yair Lapid e Naftali Bennett.AP

Dichiara con ottimismo Yair Lapid:
"Ciò che ha fatto nascere questo governo è l'amicizia e la fiducia e ciò che manterrà questo governo è l'amicizia e la fiducia. Se sapremo fidarci e sostenerci a vicenda, e lavorare insieme per farlo funzionare, funzionerà".

Netanyahu; "Faremo opposizione a testa alta e torneremo a guidare il paese"

Dopo 12 anni al potere, finisce - almeno per il momento - l'era di Benjamin Netanyahu.
Restato fuori dal governo nonostante i 53 seggi conquiststati dal suo partito alle recenti elezioni, Netanyah guiderà l'opposizione come leader del Likud.

"Se il nostro destino è quello di essere all'opposizione, lo faremo a testa alta, fino a quando non abbatteremo questo pericoloso governo, e torneremo a guidare il paese a modo nostro", ha tuonato Netanyahu dal suo seggio in Parlamento.

Ariel Schalit/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
La delusione di Benjamin Netanyahu.Ariel Schalit/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

Resta la spaccatura di un paese andato alle urne quattro volte negli ultimi due anni (senza mai esprimere una vera maggioranza) e profondamente diviso su molti temi scottanti, tra i quali le relazioni con l'Autorità Palestinese e la situazione nella Striscia di Gaza.

Il nuovo governo-Bennett è stato festeggiato da migliaia di persone, che si sono ritrovate in piazza Rabin, a Tel Aviv.
A molti di loro non sembra vero di essersi finalmente liberati di Netanyahu.
Almeno per ora.

Oded Balilty/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Foto ricordo...per dimenticare Netanyahu.Oded Balilty/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.