ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Da Milano a Tokyo in Vespa per le Olimpiadi

Autista bus Cofferati replica il viaggio del '64 di Patrignani
Autista bus Cofferati replica il viaggio del '64 di Patrignani
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – RIMINI, 10 GIU – Milano-Tokyo in Vespa. Questa
l’impresa che tenterà di portare a termine il 44enne autista di
autobus di Salsomaggiore Terme Fabio Cofferati proprio come fece
nel 1964 il motociclista Roberto Patrignani che partì da Milano
e percorse 13mila chilometri in 85 giorni, per arrivare in
Giappone e stringere la mano a Daygoro Yasukawa, presidente
dell’allora Comitato Olimpico giapponese. In quell’occasione fu
consegnato il trofeo, un dono che suggellava simbolicamente
l’amicizia tra il popolo italiano e quello giapponese. A quasi
60 anni di distanza, le Olimpiadi a Tokyo si ripetono e Fabio
Cofferati vuole fare il medesimo percorso a bordo della sua
Vespa 150 Vbb2 del 1963 per consegnare un trofeo a Tokyo. Con il
suo viaggio, il 44enne sarà anche testimone della Fondazione
Isal, di Rimini, che si occupa di lotta al dolore cronico. “Le Olimpiadi inizieranno il 23 Luglio, ma a causa della
pandemia in corso sarà molto difficile che io possa consegnare
il Trofeo al CIO – racconta Cofferati -. In ogni caso, la
mission del mio viaggio è la fratellanza tra i popoli e la
celebrazione del 75° anniversario della nascita della Vespa che
festeggeremo insieme agli amici vespisti giapponesi”. La
partenza è il 13 giugno a Milano e l’arrivo a Tokyo è previsto
per il 21 luglio. Nel suo viaggio intervisterà i cittadini dei
differenti Paesi sulla necessità della ricerca per garantire
cure a chi vive nel dolore incurabile. A conclusione del viaggio
scriverà un libro i cui proventi andranno alla fondazione.
(ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.