ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vaccini: Puglia, metà dei vaccinabili ha ricevuto prima dose

Da domani al via prenotazioni per nati 1992-1996
Da domani al via prenotazioni per nati 1992-1996
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BARI, 06 GIU – “Un pugliese su due in età
vaccinabile ha ricevuto la prima dose. Oggi abbiamo raggiunto
questo bel traguardo a livello regionale, attestandoci sopra la
media italiana. Le fasce più esposte al rischio, over 80 e tra
60 e 70 anni, sono state raggiunte con percentuali molto più
alte rispetto ai dati medi nazionali. Questo significa che
vacciniamo tanto e bene, ed il merito non può che andare a tutto
il sistema sanitario e di protezione civile regionale che anche
oggi, di domenica, come ogni giorno è al lavoro per mettere in
sicurezza con il vaccino i pugliesi. Continuiamo così”. Lo
dichiara il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Il 50,2% della popolazione vaccinabile pugliese (dai 12 anni
in su), secondo i dati della Regione, ha ricevuto la prima dose
di vaccino anticovid, sopra la media nazionale che è del 48%
(dato aggiornato alle ore 15 di oggi). Sono 2.587.842 le dosi di
vaccino anticovid somministrate sinora in Puglia. Nelle varie
fasce di età, ha ricevuto almeno la prima dose di vaccino il
95,2% degli over 80 (dato Italia: 92,4%); il 90,5% tra i 70-79
anni (dato Italia: 84,7%); l’84,3% tra i 60-69 anni (dato
Italia: 75,7%); il 61,3% tra i 50-59 anni (dato Italia 55,8%) e
il 33,8% tra i 40-49 anni. Intanto, la Asl di Bari conclude oggi la campagna vaccinale
destinata ai maturandi con una elevata percentuale di adesione:
da una prima analisi dei dati raccolti è emerso infatti che il
75-80 per cento dei 12mila studenti dell’ultimo anno censiti
dall’ufficio scolastico provinciale ha ricevuto la prima dose di
vaccino. Dato che potrebbe aumentare visto che le
somministrazioni sono oggi ancora in corso nei punti-vaccino
della Asl. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.