ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le celebrazioni del D-Day in Normandia. Dopo 77 anni il Regno Unito ha un suo memoriale

Di euronews
euronews_icons_loading
Le celebrazioni del D-Day in Normandia. Dopo 77 anni il Regno Unito ha un suo memoriale
Diritti d'autore  David Vincent/Copyright 2021 The Associated press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

6 giugno 1944, 77 anni fa lo sbarco in Normandia. Come ogni anno, in crescendo dalla fine della Seconda guerra mondiale in poi vanno in scena sulle scogliere e les spiagge normanne le celebrazioni di una delle più importanti battaglie della storia europea contemporanea.

Dopo la pausa per covid del 2020, quest'anno si riprende con l'inaugurazione di un memoriale dei caduti britannici dello sbarco. Un monumento celebrativo _British only, _ per non dimenticare il ruolo britannico nei conflitti continentali del '900, ma nemmeno la brexit.

Dallo spendido isolamento sepolcrale di Ver sur Mer si va a Carentan con gli "amici americani". I paracadutisti, i mitici Screaming Eagles. Ilanci delle truppe avio-trasportate nordamericane avvennero nella notte tra i 5 e il 6 giugno per infiltrare le retrovia tedesche. Fu un bagno di sangue.

Anche i GIs sono qui per ricordare che il legame transatlantico è più forte che mai, altroché morte cerebrale della NATO come ebbe a dire il presidente Macron.

E sono venuti da veri e cordiali protagonisti a ricordare il ruolo della potenza d'Oltreatlantico, oggi come ieri, nella politica euro-atantica.

Ci pensa con discreta amabilità dei suoi novanta e passa anni Charles Norman Shay, un veterano Usa, che ha attraversato l'Atlantico per rendere omaggio ai suoi commilitoni soprattutto quelli che riposano in Normadia:

"In Francia la gente si ricorda ancora di questi uomini, li sentono vicini ai loro cuori e ricordano quello che hanno fatto per loro. Non credo proprio che i francesi possano dimenticarlo".

E loro, i francesi, si sono vestiti da fanti americani con tanto di jeep dell'epoca, le mitiche Willy.

Pascal Leclerc, membro dell'associazione di memorabilia "Mémoire d'Omaha Beach 44" dice:

"ne sentivamo la mancanza, è divertente, trasmette buonumore, ed è l'occasione di onorare i veterani, che è poi lo scopo principale.

Ma come sempre, la politica euro-atlantica striscia furtiva tra le dune e le scogliere normanne, ricordi aparte, da anni ormai la Germania si associa discreta alle celebrazioni dei protagonisti dello sbarco, un denso significato politico. l'Europa e gli Stati Uniti si cercano. Aspettando la Russia.