This content is not available in your region

Covid: foto virale bimbo-infermiera. Madre, 'finito incubo'

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Ancona, mamma neonato coccolato in reparto abbraccia sanitaria
Ancona, mamma neonato coccolato in reparto abbraccia sanitaria

(ANSA) – ANCONA, 31 MAG – Nel marzo scorso era diventata
un simbolo dell’impegno dei sanitari nella lotta anti-Covid, la
foto del neonato ricoverato all’ospedale materno infantile
Salesi di Ancona con l’infermiera accanto sdraiata sul letto,
bardata con la tuta anti-contagio, che lo accarezzava,
tenendogli il ciuccio. A distanza di circa due mesi – il bimbo,
che ora ha 9 mesi e mezzo, era stato una settimana in
‘isolamento’ – l’abbraccio tra l’infermiera della Rianimazione
Pediatrica, Katia Sandroni, ritratta in quella foto, e Roberta,
mamma del neonato le cui condizioni erano progressivamente
migliorate grazie anche a un intervento chirurgico. L’occasione
è stata la cerimonia con la quale gli Ospedali Riuniti hanno
voluto apporre una targa commemorativa nel vecchio ingresso
della struttura, come “luogo dell’evocazione e della memoria del
periodo Covid-19″, con un ingrandimento della foto e la scritta:
“Ospedale Salesi marzo 2021, ‘il Covid 19 non ferma la tenerezza
delle cure’”. Presenti il piccolo, i genitori Roberta ed Enrico, i vertici
degli Ospedali Riuniti e i primari di Rianimazione Pediatrica e
Clinica di Ostetricia e Ginecologia. Durante la cerimonia,
l’abbraccio tra la mamma del piccino e l’infermiera, le lacrime.
“Il grande incubo è finito. – ha detto commossa Roberta – Appena
l’ho vista mi è venuto di abbracciarla per quello che ha fatto”.
“Ho visto la foto, ho rivisto anche Matteo e ho conosciuto i
suoi genitori, una grande emozione – ha fatto eco Katia – Le
‘coccole’? E’ il nostro lavoro lo facciamo tutti i giorni. Non
c’era differenza, un bambino come gli altri, mi sono sentita di
coccolarlo un po’”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.