EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

>ANSA-LA-STORIA/ Bimbi foto simbolo pandemia, un anno dopo

Erano davanti a cancello chiuso, ora recita con mascherina
Erano davanti a cancello chiuso, ora recita con mascherina
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(di Francesco Fabbri) (ANSA) - ROMA, 27 MAG - I bambini 'distanti ma uniti' della foto-simbolo scattata davanti ai cancelli sbarrati della loro scuola in piena pandemia un anno dopo portano ancora la mascherina. Per la foto-ricordo di quest'anno, però, sono all'interno del cortile e la mascherina non è più un oggetto estraneo, ma un accessorio indispensabile per seguire le lezioni: come il quaderno, come la penna. Gli alunni della V B della Cesare Battisti, nel cuore di Garbatella, a Roma, hanno fatto, come tutti, lo slalom tra le quarantene e vissuto la paura di una nuova chiusura prolungata della scuola. Ciononostante hanno portato a termine l'ultimo anno della scuola primaria e per festeggiare la fine di un percorso così accidentato hanno voluto che la fotografia di classe di fine anno fosse scattata durante la realizzazione del cortometraggio che stanno ultimando e che, al posto della tradizionale recita, sarà il loro dono alle famiglie. Dalla 'Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare' di Luis Sepúlveda traggono lo spunto per parlare di accoglienza e di come le condizioni circostanti facciano cambiar luce alla vita e all'anima e della capacità di imparare a volare anche nelle condizioni avverse. Anche quest'anno dietro all'obiettivo c'è Giulio d'Adamo: fotografo del World Food Programme e papà di una delle allieve. Il compito: fissare in una immagine tutto il lavoro svolto dai bambini. Ciascuno con le proprie aspirazioni e le proprie paure, tutti con la consapevolezza che le cose possono cambiare all'improvviso. E tutti con la mascherina che diventa abito di scena: arancione con becco quella dei gabbiani, con i baffi quella dei gatti, nera quella dei topi. "La vera novità - spiega d'Adamo - è che i cancelli della scuola stavolta non sono chiusi, e non era scontato. Lo scatto è stato realizzato sull'austera scalinata d'ingresso, alle spalle il portone è aperto. Ma senza il ricordo della foto dello scorso anno, con i cancelli sprangati a fare da sfondo, sarebbe 'soltanto' una foto di fine anno. Nell'immagine di oggi c'è l'orgoglio di un percorso a ostacoli che insegnanti e alunni, insieme, hanno portato a termine nel miglior modo possibile". Come quello della gabbianella che imparò a volare. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 13 giugno - Serale

Il giornalista Usa Evan Gershkovich sarà processato in Russia con l'accusa di spionaggio

Presunto attacco degli Houthi contro una nave diretta a Venezia: fuoco a bordo