Stalker ruba le ceneri del cane della ex, condannato

Botte e minacce e poi il furto per costringerla a vedersi
Botte e minacce e poi il furto per costringerla a vedersi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VARESE, 20 MAG - L'ha fatta innamorare con i suoi modi gentili per poi trasformarsi in un mostro violento e rubarle i gioielli e l'urna con le ceneri del cane per farle un dispetto, dopo averla tormentata per mesi. Per questa ragione un 45 enne di Arezzo è stato condannato dal Tribunale di Busto Arsizio (Varese) a tre anni e un mese di carcere. Le si era presentato come un gentiluomo, premuroso e capace di corteggiarla come aveva sempre desiderato, così una quarantenne di Busto Arsizio si è innamorata di quel 45 enne toscano, simpatico e pieno di promesse sul loro futuro insieme, conosciuto nel febbraio scorso mentre, scesa dal treno, faceva rientro a casa. Nel giro di pochi giorni, a quanto emerso dalla ricostruzione degli inquirenti, i due erano andati a vivere insieme. Appena messo piede in casa della donna però lui è diventato aggressivo, verbalmente e fisicamente, probabilmente anche a causa di una dipendenza da stupefacenti di cui la 40enne non era a conoscenza quando ha deciso di ospitarlo. Dopo aver subito aggressioni e minacce anche con coltelli da cucina ed essere stata forzata a esibizioni erotiche sotto costrizione, la donna ha deciso di scappare a casa di un'amica e comunicargli che la loro relazione era finita. Per dieci giorni l'uomo l'ha tormentata di telefonate e l'ha pedinata, nel tentativo di obbligarla a tornare sui suoi passi. A fine febbraio, approfittando dell'assenza della sua ex, ha forzato una finestra della sua abitazione, le ha rubato vestiti e gioielli, le ha orinato sul letto e poi ha rubato l'urna contenente le ceneri del cane della donna, a cui lei era molto attaccata, probabilmente per utilizzati come arma di ricatto per costringerla a rivedersi e a tornare insieme. Poco dopo la donna si è accorta dell'effrazione e ha chiesto aiuto al 112. Gli agenti della Polizia di Stato di Busto Arsizio lo hanno rintracciato e quando gli hanno chiesto i documenti, l'uomo ha tentato di fuggire e una volta bloccato ha aggredito i poliziotti a calci e pugni. Dopo l'arresto, la quarantenne ha trovato la forza di raccontare quanto ha vissuto nelle settimane precedenti.(ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Kiev, colpita una nave russa della flotta del Mar Nero in Crimea, Mosca nega

Ungheria: al via la campagna elettorale in vista delle europee e comunali del 9 giugno

Kosovo: referendum per rimuovere 4 sindaci di etnia albanese