ULTIM'ORA
This content is not available in your region

"Winchcombe": il meteorite che potrebbe svelare i segreti del Sistema Solare

euronews_icons_loading
"Winchcombe": il meteorite che potrebbe svelare i segreti del Sistema Solare
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

In una teca nuova di zecca nel Museo di Storia Naturale di Londra c'è un frammento di meteorite che risale a quattro miliardi e mezzo di anni. Si tratta di Winchcombe dal nome della piccola città inglese dove è stato recuperato lo scorso 28 febbraio.

E’ piovuto sulla Terra illuminando l’atmosfera sopra l’Inghilterra. Il reperto è atterrato nel vialetto di un’abitazione, lasciando tutti a bocca aperta. L’impressionante palla di fuoco è stata filmata da una rete internazionale di videocamere di tracciamento. I pezzi di roccia spaziale rinvenuti sono stati tutti subito consegnati alle istituzioni scientifiche e ai laboratori.

Reperti rari e preziosi

Secondo gli esperti questa roccia spaziale rara potrebbe aiutare gli scienziati a rispondere alle domande su come è arrivata l’acqua sulla Terra e su come ha avuto origine la vita sul nostro pianeta. A prima vista, la composizione chimica, i minerali e la consistenza del meteorite non sembrano appartenere ad alcun tipo di condrite carbonacea. Si tratta di qualcosa di magico e di diverso.

Alcuni anni fa c’è stata una sfera infuocata dalla quale è caduto un meteorite direttamente nel Mare del Nord” mancando le terre circostanti, come il Regno Unito, l’Europa del nord o la Norvegia, dove avrebbe potuto essere recuperato.

AP Photo
UK spaceAP Photo

La perla di Londra

“Il frammento è composto da minerali che contengono acqua, ci spiega Helena Bates, curatrice del reparto meteoriti del Museo londinese. Studiare la presenza dell'acqua nel nostro sistema solare è qualcosa a cui siamo davvero interessati. Questo meteorite potrebbe dare numerose risposte alle nostre domande.”

Dopo cinque mesi di chiusura a causa delle restrizioni per il Covid, il Museo riapre i battenti questo lunedì. Tutti gli appassionati del genere potranno ammirare questo reperto davvero unico e raro. La sua origine precisa infatti al momento resta ancora un mistero, come quella della maggior parte dei meteoriti.