ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ungheria, festival e concerti a rischio: gli organizzatori aspettano una data di riapertura

euronews_icons_loading
Budapest Park: desolatamente vuoto!
Budapest Park: desolatamente vuoto!   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Quanti festival hanno già gettato la spugna?
Tanti, purtroppo.

Non si sa ancora se ci saranno concerti e festival quest'estate in Ungheria e a quali condizioni. Euronews ha cercato di sapere dal vice primo ministro cosa stia progettando il governo di Viktor Orbàn per gli eventi live.

"Serve vaccinare la metà della popolazione"

La nostra domanda è stata letta alla conferenza stampa dalla portavoce del governo, Alexandra Szentkiralyi.

- ''Dopo quante vaccinazioni sarà possibile andare a un concerto o a un festival?"

Risponde il vice primo ministro Gergely Gulyas:
''È realistico...dopo 5 milioni!''.

Euronews
Gergely Gulyas risponde alla domanda di Euronews riportata dalla portavoce del governo.Euronews

Quindi la metà della popolazione. Gli abitanti, in Ungheria, sono quasi dieci milioni.

Di questi tempi, è un'informazione che serve a poco. Poiché non è possibile pianificare in anticipo, i più grandi eventi dell'estate, per il 2021, sono già stati cancellati.

"I grandi eventi hanno già cancellato tutto"

Spiega Natalia Oszko-Jakab, co-presidente della Fondazione Programma Turistico ungherese:
''Alcuni degli eventi più grandi hanno cancellato il loro programma di quest'anno, come il Sziget Festival, il Balaton Sound o il Fezen Festival... E la stessa cosa hanno fatto molti eventi più piccoli. Molti organizzatori, per fortuna, però non mollano e speriamo che sarà davvero possibile organizzare qualche festival, almeno con un certificato di vaccinazione o con un test negativo''.

Euronews
"Per fortuna, molti organizzatori non mollano".Euronews

L'incertezza dei musicisti

L'incertezza colpisce anche i musicisti.
Szabolcs Arkosi è uno dei frontmen della band "Los Orangutanes", ma invece di fare musica, ora lavora in un negozio di abbigliamento vintage. Entro maggio, di solito conosce tutto il suo programma di concerti estivi. Ma non quest'anno.

"In base alla mia esperienza degli anni precedenti", spiega Szabolcs Arkosi, "la maggior parte dei festival sono completamente organizzati a marzo e gli artisti sono già stati selezionati. Per quest'anno, invece, non si sa ancora niente".

Euronews
"Per quest'anno non abbiamo ancora nessun programma".Euronews

"L'incertezza è la cosa peggiore"

Il giardino Kobuci è uno dei luoghi di concerto più popolari a Budapest, ma ora è desolatamente vuoto. La stagione sarebbe iniziata in aprile e si sarebbero tenuti concerti per sei giorni alla settimana.

Gabor Kaszap è l'Amministratore Delegato di "Kobuci Kert":
''Ci sono molti scenari possibili, ma non c'è niente di sicuro nè ufficiale, quindi non sappiamo quali siano le intenzioni del governo, per quando poter organizzare e in quali circostanze tenere un concerto. Il nostro programma è organizzato, ma dobbiamo continuamente riorganizzarlo e coordinarlo con le band e aspettare una data precisa di riapertura. L'incertezza, in questo momento, è la cosa peggiore".

Euronews
Intervista in un Kobuci tristemente vuoto.Euronews

Serve una data certa di riapertura

Gli organizzatori dei festival e i proprietari delle sale da concerto aspettano solo una cosa: che il governo ungherese annunci ufficialmente la data esatta della riapertura e le condizioni in cui si potranno finalmente svolgere eventi e spettacoli.