Libia: ufficiale Aliseo, salvi per questione di centimetri

Il racconto di Girolamo Giacalone
Il racconto di Girolamo Giacalone
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) – PALERMO, 08 MAG – “Prima ci hanno abbordato, tre
militari armati sono saliti a bordo e poi si sono portati il
nostro comandante a bordo della loro motovedetta”. Questo il
primo racconto di Girolamo Giacalone, ufficiale del motopesca
‘Aliseo’, appena sceso dal mezzo ormeggiato in banchina a Mazara
del Vallo. “Quando il comandante è tornato a bordo, ci ha detto che gli
hanno chiesto scusa. Ma scusa per cosa? Potevano ucciderci. È
stato un miracolo, bastava qualche centimetro e ci uccidevano. I
fori sono visibili sul vetro, su uno schermo e nelle pareti di
ferro. Tornare in quelle acque per lavorare è impossibile, non
ci sentiamo per nulla sicuri”. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nagorno-Karabakh, terminato l'esodo. Stepanakert città fantasma

Tre testimoni inchiodano Rubiales: confermate le pressioni subite da Hermoso per l'abuso sessuale

Trump alla sbarra per frode finanziaria