Libia: comandante Aliseo, siamo vivi per miracolo

Capitano racconta assalto motovedetta libica,spari a pallettoni
Capitano racconta assalto motovedetta libica,spari a pallettoni
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 07 MAG - "Siamo vivi per miracolo, ci hanno sparato a pallettoni, qui la cabina è piena di buchi". Giuseppe Giacalone risponde via radio all'ANSA mentre è in navigazione in direzione di Mazara del Vallo. Il motopesca 'Aliseo' arriverà in porto domattina presto. Si emoziona quando ripensa al fatto che lui è un "miracolato, perché soltanto Dio ci ha aiutato". Davanti agli occhi i momenti terribili vissuti ieri: "Erano le 14 quando tutto è successo - racconta - mentre eravamo in navigazione verso Nord-est ci ha raggiunto una motovedetta libica e ha iniziato a sparare. I colpi ci hanno raggiunto e i vetri della plancia sono andati in frantumi". Il comandante ricostruisce quegli attimi convulsi, mentre i militari libici sparavano ad altezza d'uomo per costringere l'Aliseo a fermarsi. "E' stato un inferno. Io sono rimasto ferito al braccio e anche alla testa perchè il finestrino della cabina è andato in frantumi e le schegge di vetro mi hanno colpito". Poi Giuseppe Giacalone racconta che i militari a bordo della motovedetta, non appena si sono resi conto del suo ferimento, hanno cercato di giustificarsi: " 'perdono, perdono, ora ti soccorriamo' ripetevano mentre la nostra imbarcazione veniva sorvolata dall'elicottero della Marina Militare italiana che è subito intervenuto in nostro soccorso". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, aumentano gli aiuti umanitari ma preoccupa la crisi idrica

È morto Roberto Cavalli, lo stilista fiorentino aveva 83 anni

Le notizie del giorno | 12 aprile - Serale