EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Squarta, Umbria Regione più evoluta su disturbi neurosviluppo

Presidente Assemblea legislativa presenta una proposta di legge
Presidente Assemblea legislativa presenta una proposta di legge
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PERUGIA, 29 APR - "Non c'è, in Italia, nessuna Regione che come l'Umbria possa vantare norme tanto specifiche e precise per combattere i disturbi del neurosviluppo": lo sottolinea il presidente dell'Assemblea legislativa, Marco Squarta il quale con la consigliera Eleonora Pace (entrambi Fdi) ha presentato una proposta di legge sui "Disturbi del neurosviluppo e servizi per i disturbi neuropsichiatrici infantili e per quelli di transizione". "L'auspicio - aggiunge - è che venga approvata in Aula la proposta di legge che ho presentato stamani in Commissione Sanità". "In caso di voto favorevole - continua - l'Umbria sarà la prima Regione d'Italia ad aver messo insieme, nello stesso testo, tutte le questioni sui disturbi del neurosviluppo, sui servizi per i disturbi neuropsichiatrici infantili e per quelli di transizione. Un testo così completo ed evoluto non esiste. Si parla della presa in carico globale delle persone con disturbi ma anche di integrazione tra livelli ospedalieri e territoriali di intervento, di partecipazione delle famiglie ai percorsi diagnostici e assistenziali, oltre che di permanenza della persona nel proprio ambiente socio-familiare". L'importo stanziato è di un milione di euro. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cosa ha causato il crollo del ristorante Medusa a Maiorca?

Cosa pensano i georgiani della nuova legge sull'influenza straniera?

Ilaria Salis a processo senza catene a Budapest: giudice rivela indirizzo dove sconta i domiciliari