ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

Roghi in Parco naturale in Salento, muoiono decine di rospi

Per le guardie ecologiche si tratta di incendi dolosi
Per le guardie ecologiche si tratta di incendi dolosi
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BARI, 31 MAR – Decine di esemplari di animali
anfibi, soprattutto rospi, sono morti carbonizzati in due
incendi divampati, uno dopo l’altro, in distinte aree di canneto
all’interno del Parco naturale regionale Bosco e Paludi del
Rauccio. Le operazioni di spegnimento del fuoco da parte dei
vigili del fuoco sono state difficoltose a causa della
conformazione impervia del terreno. Le guardie ecologiche
intervenute non hanno dubbi sulla matrice dolosa dei roghi che
hanno causato un grave danno non solo alla vegetazione, ma
soprattutto alla fauna colpita nel pieno ciclo riproduttivo con
le prime nidificazioni e i primi accoppiamenti. “E’ un danno
gravissimo. Si tratta di un’area prettamente paludata – commenta
il direttore del Parco Antonio De Rinaldis – abitata da
esemplari anfibi che hanno una limitata capacità di spostamento.
L’aggressione delle fiamme ha comportato la morìa di decine di
questi animali, riverberandosi sul ciclo riproduttivo
dell’habitat”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.