Omicidio nel Reggiano, il figlio resta in carcere

La Procura di Reggio Emilia aveva chiesto l'ergastolo
La Procura di Reggio Emilia aveva chiesto l'ergastolo
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 28 APR - Resta in carcere Marco Eletti, il 33enne accusato di omicidio nei confronti del padre Paolo e del tentato omicidio della madre Sabrina Guidetti, avvenuto sabato a San Martino in Rio, nella Bassa in provincia di Reggio Emilia. È la decisione del gip Dario De Luca, dopo l'udienza di convalida, nella quale l'indagato si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il giudice non ha convalidato il fermo per mancanza del pericolo di fuga, accogliendo l'istanza dell'avvocato difensore Domenico Noris Bucchi. Ma ha disposto comunque la misura di custodia cautelare nella casa circondariale di Modena dove Eletti si trova attualmente, ravvisando gravi indizi di colpevolezza. Tra le accuse contestate dal sostituto procuratore Piera Cristina Giannusa - titolare del fascicolo d'inchiesta e che coordina le indagini dei carabinieri - non vi è la premeditazione del reato, ma solo l'aggravante del legame familiare con le vittime. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Kiev, colpita una nave russa della flotta del Mar Nero in Crimea, Mosca nega

Ungheria: al via la campagna elettorale in vista delle europee e comunali del 9 giugno

Kosovo: referendum per rimuovere 4 sindaci di etnia albanese