ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Liguria apripista per studio pandemia da acque reflue

Metodo validato dall'Iss e adottato a livello nazionale
Metodo validato dall'Iss e adottato a livello nazionale
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – GENOVA, 27 APR – Per prevedere l’andamento della
pandemia Covid con due settimane di anticipo rispetto ai
tamponi, in Liguria è partito un monitoraggio in tempo reale
delle acque reflue in 27 impianti di depurazione. Il metodo è
stato validato dall’Iss e adottato a livello nazionale. Il
progetto è stato presentato dal presidente della Regione Liguria
Giovanni Toti, dal rettore dell’Università di Genova Federico
Delfino e dal direttore generale di Arpal Carlo Emanuele Pepe
insieme al commissario straordinario dell’Agenzia ligure per la
sanità (Alisa) Francesco Quaglia. I primi campionamenti sono partiti a luglio 2020, hanno
trattato sia acque reflue congelate sia non, individuando
concentrazioni della presenza del virus fino a 1.000-2.000 copie
genomiche per litro. “Il sistema consente di rilevare
l’andamento territoriale del contagio con 14 giorni di anticipo
rispetto al tracciamento tradizionale, effettuato con l’uso dei
tamponi, e rappresenta quindi uno straordinario strumento per
assumere decisioni tempestive e mirate. In questo modo possiamo
tenere sotto controllo l’andamento della pandemia anche in aree
molto piccole come le località turistiche: un aspetto importante
in vista della stagione estiva. Il metodo è infatti in grado di
rilevare la diffusione del Covid sulla popolazione, asintomatici
compresi, anche di un piccolo centro abitato o di un quartiere,
restituendo informazioni utili – conclude Toti – ad esempio per
prevenire di circa due settimane un picco epidemico laddove non
si registrino ancora dati significativi sui ricoveri
ospedalieri”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.