ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

Giochi: con Covid giù quello in presenza, allarme illegalità

Ricerca Luiss Business School, "crisi senza precedenti"
Ricerca Luiss Business School, "crisi senza precedenti"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 31 MAR – L’effetto del Covid si è fatto
sentire anche sul settore del gioco legale in Italia, uno dei
settori che registra la più lunga chiusura per via delle
restrizioni. Secondo una ricerca della Luiss Business School,
infatti, la crisi che sta attraversando tutta la filiera è
“senza precedenti”, con un crollo del gioco in presenza (-41%) e
un “naturale incremento della fruizione online ma anche dei
canali illegali”. Secondo le prime stime, infatti, si teme che
l’aumento del mercato illegale potrebbe aver coinvolto fino a 4
milioni di giocatori, non tutti pienamente consapevoli di questa
scelta. “Prima dell’emergenza economico-sanitaria – si legge nel
report – l’industria del gioco legale, infatti, aveva un valore
di spesa pari a 19,4 miliardi di euro (dati 2019) che nel 2020
si è ridotto di ben il 33%”. Per questo, Luiss Business School e Ipsos analizzeranno
congiuntamente le evoluzioni del mondo del gioco legale grazie
all’avvio del progetto di ricerca sul settore del gioco
(nell’ambito dell’osservatorio sui mercati regolati), con
l’obiettivo di fornire supporto scientifico ai decisori
pubblici, all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, alle società
concessionarie di gioco pubblico, agli operatori della filiera,
agli stakeholder della società civile. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.