ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

Covid: Torino, al BasicVillage primo centro vaccini privato

Insieme Humanitas Gradenigo e BasicNet, 800 al giorno dal 27/4
Insieme Humanitas Gradenigo e BasicNet, 800 al giorno dal 27/4
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – TORINO, 17 APR – Nasce a Torino il primo centro
vaccinale tra aziende private. L’ospedale Humanitas Gradenigo e
BasicNet uniscono le forze per vaccinare dal 27 aprile fino a
800 persone al giorno: la sede è il BasicVillage di corso Regio
Parco 39, quartiere generale dell’azienda fondata da Marco
Boglione, a cui fanno capo brand come Robe di Kappa, Superga e
K-Way. In un’area di 700 metri quadrati sarà trasferito l’attuale
Centro vaccinale di Humanitas Gradenigo, che era stato
inaugurato all’interno dell’ospedale il 18 marzo e, in un mese,
ha vaccinato 8mila persone, in prevalenza ultra 80enni e
pazienti fragili, utilizzando Pfizer BioNTech. La nuova
collocazione del Centro, con percorsi autonomi di entrata e
uscita, consentirà di passare ogni giorno dalle attuali 500 a un
massimo di 800 persone, in uno spazio funzionale, che troverà
posto in un’ampia porzione dei locali dello storico negozio
aziendale ‘alloSpaccio’. Il Centro sarà aperto dal lunedì al
venerdì dalle 10 alle 20 con otto box separati. “Il nostro ospedale si mette ancora una volta al servizio di
Torino e della sua gente, estendendo l’attività di vaccinazione
contro il Covid a un numero maggiore di persone. L’utilizzo di
Pfizer BioNTech è il valore aggiunto che l’ospedale porta con
sé”, commenta il direttore sanitario di Humanitas Gradenigo,
Domenico Tangolo.. “Abbiamo sentito forte il dovere di
rispondere alla chiamata e siamo grati a Humanitas di averci
dato la possibilità di farlo. Abbiamo allestito a tempo di
record un grande centro vaccinale, dedicando i nostri locali
commerciali più prestigiosi e destinando tutte le risorse
necessarie”, spiega Boglione. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.