ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

Covid: titolare Jamaica, siamo innocenti e faremo ricorso

Non abbiamo violato norme antivirus
Non abbiamo violato norme antivirus
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 27 MAR – “Quello a cui tengo è che il
Jamaica, che ha un nome e una storia, non ha fatto scattare
norme anticovid”: Micaela Mainini, una delle titolari dello
storico bar accanto all’accademia di Brera dove erano di casa
artisti del calibro di Piero Manzoni e Lucio Fontana ma anche
Ungaretti e Quasimodo, tiene a spiegare di aver rispettato le
regole dopo la sanzione e la chiusura imposta per cinque giorni. Innanzitutto “non siamo stati sanzionati per essere aperti
oltre l’orario di chiusura – spiega – perché non lo eravamo,
dato il nostro codice Ateco. Come ristorante possiamo stare
aperti fino alle 22 per l’asporto”. La sanzione è stata per
l’assembramento “all’esterno del locale ma fuori abbiamo
addirittura chiuso la parte su cui abbiamo la concessione con la
corda perché la gente non si fermi e assunto una persona per
ricordare alla gente di stare distanziata e non assembrarsi”. Da qui la decisione “di fare ricorso con il nostro avvocato
Daria Pesce”. “Guardi a testimoniare che rispettiamo le regole -
dice – ci sono tutti i controlli che ci hanno fatto: da fine
febbraio forse 17 o 18, una volta cinque in una sola settimana.
Sappiamo che qualcuno ha fatto segnalazioni. Altri fanno festini
e fanno entrare la gente ma non noi”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.