EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Covid: centinaia in piazza a Sassari contro le restrizioni

Iniziativa esercenti, tre giorni in tenda davanti a Prefettura
Iniziativa esercenti, tre giorni in tenda davanti a Prefettura
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SASSARI, 28 APR - Sono centinaia, arrivano da diverse parti del Nord e del Centro Sardegna, hanno fissato le loro tende in piazza d'Italia, a Sassari, davanti al palazzo del Governo, che ospita la Prefettura, per far presente a Roma e Cagliari che "queste sono le uniche dimore che ci potremo permettere se non ci sarà un cambio di passo nella gestione delle restrizioni anti Covid". È la clamorosa ma pacata e pacifica protesta inscenata questa sera da ristoratori, estetisti, parrucchieri, operatori del wedding, ambulanti e gestori di palestre. Il tam tam sui social ha funzionato e sono arrivati in tanti da Sassari, Alghero, Porto Torres, Pattada, Palau, San Teodoro, Santa Teresa e addirittura dal Nuorese. "Chiediamo di poter lavorare in continuità, con regole di sicurezza sanitaria e controlli adeguati, ma dopo 14 mesi la situazione non è più sostenibile né giustificabile", spiega Giuseppe Fadda, imprenditore, ristoratore e promotore dell'iniziativa. Tra i manifestanti non ci sono negazionisti, gli operatori dei settori più colpiti dalle conseguenze dell'emergenza sanitaria sono consapevoli del problema, ma chiedono di ripartire. "Chiediamo dignità", dicono Fadda e altri alternandosi al microfono ai piedi del palazzo che domina il salotto buono della città. L'appello è anche alla Regione. "Si intervenga con Abbanoa e altri fornitori per bloccare ingiunzioni di pagamento e canoni", è l'appello. La "tendopoli" occuperà piazza d'Italia per tre giorni, senza sguarnire il presidio neanche di notte. "Dimostreremo col rispetto delle regole e delle norme di sicurezza che non siamo contrari all'idea che si combatte il covid, che esiste ed è un problema grave, ma non può essere un buon motivo per toglierci la dignità e il lavoro". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Belgio-Israele non si giocherà a Bruxelles: "Rischi per la sicurezza"

Russia e Corea del Nord rafforzano la cooperazione, non solo militare

Segretario generale Nato: Mark Rutte verso la nomina, Orbán toglie il veto