ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Scuola: 'stufi stare a casa', torna la protesta anti-dad

Manifestazione nel centro di Torino, tutti devono rientrare
Manifestazione nel centro di Torino, tutti devono rientrare
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – TORINO, 26 MAR – Tanti bambini, ma anche genitori e
insegnanti manifestano contro la didattica a distanza in piazza
Carignano, nel centro di Torino. Duecento persone circa, con
striscioni, pendole e trombette, mentre chi è rimasto a casa ha
interrotto per un minuto la dad suonando una campanella. “Oggi
sono presenti studenti e insegnanti. L’unica assente è la
scuola”, dicono i manifestanti. “Siamo stufi di stare a casa – dice Carola Messina di
‘Priorità alla scuola’ – vogliamo che tutti gli ordini di scuola
rientrino, non solo i più piccoli, e vogliamo ribadire quali
sono le priorità per la scuola del futuro. Non crediamo alla
riapertura dopo Pasqua – aggiunge Messina – crediamo che forse
riusciranno a entrare a scuola i più piccoli anche perché c‘è un
tema di conciliazione scuola-lavoro che ha portato in piazza le
famiglie. Ma ricordiamo che anche i ragazzini fino ai 14 anni
non dovrebbero essere abbandonati davanti a uno schermo”. “Siamo scesi in piazza perché le istituzioni ci hanno
lasciato una scuola in macerie, edilizia scolastica che non
garantisce sicurezza e nemmeno misure sanitarie che ci avevano
promesso – sostiene Alessandro del liceo Gioberti – La scuola ci
è stata lasciata in macerie e noi dobbiamo ricostruirla come
studenti, docenti, genitori e tutte le persone che davvero
attraversano il sistema scolastico”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.