ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Migranti: in sacchi di spazzatura, manifestazione a Trieste

Di ANSA
E' 'così che sono considerati'. Un centinaio persone in piazza
E' 'così che sono considerati'. Un centinaio persone in piazza
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – TRIESTE, 06 MAR – Sacchi della spazzatura, perché
così “sono considerati i corpi dei migranti che in terra di
Croazia vengono picchiati, umiliati e violentati prima di essere
respinti”, o abiti neri e un foulard rosso attorno alla testa
come le madri di Plaza de Mayo, trasferendo simbolicamente
l’esperienza argentina a quella della rotta balcanica. Si sono
presentate vestite in questo modo alcune delle oltre cento
persone che questo pomeriggio in piazza della Libertà a Trieste
hanno preso parte alla manifestazione organizzata
dall’associazione ‘UnitedCultures’, che ha aderito al manifesto
‘Un ponte di corpi’ promosso dall’attivista dell’associazione di
volontariato e assistenza ai migranti Linea d’Ombra, Lorena
Fornasir.
“Costruiamo idealmente con i nostri corpi un ponte simbolico di
attraversamento della frontiera, per denunciare le continue
violenze e i respingimenti di cui sono vittime le persone che
tentano di raggiungere via terra o via mare un luogo in cui
poter vivere con dignità”, ha affermato Maria Luisa Paglia di
UnitedCultures.
“Il nostro è un grido muto – ha concluso Paglia – ma di grande
di solidarietà nei confronti delle persone bloccate nella
pattumiera umana della Bosnia”.
Oltre a Trieste, sono state diverse le piazze in tutta Italia e
in alcune città europee dove si è manifestato per lo stesso
motivo (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.