ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Mascherine turche non conformi, sequestrati 480 mila pezzi

Destinati a Ps e sanità. Inchiesta Procura Trieste, Gdf e Dogane
Destinati a Ps e sanità. Inchiesta Procura Trieste, Gdf e Dogane
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – TRIESTE, 02 MAR – I militari della Compagnia di
Trieste della Guardia di Finanza e gli uomini dell’Agenzia delle
Dogane della stessa città hanno sequestrato 480 mila mascherine
anti-Covid perché non conformi alle norme di sicurezza. Il
sequestro è avvenuto nell’ambito di una inchiesta aperta dalla
Procura di Trieste su una fornitura turca. Lo rende noto il
giornale radio della Rai Tgr Fvg precisando che i dispositivi
erano destinati alla Polizia di Stato e a personale sanitario e
che il sequestro è avvenuto nel Porto di Trieste. Il materiale era destinato, tra l’altro, a realtà sanitarie
piemontesi, probabilmente di Torino. E proprio in Piemonte
sarebbero avvenuti altri sequestri analoghi di recente. Secondo quanto si è appreso, l’inchiesta è cominciata mesi fa
e anche il sequestro è avvenuto tempo fa ma la notizia si è
diffusa soltanto oggi. Per la Rai non si tratterebbe del primo
sequestro di dispositivi anti-Covid non conformi nello scalo
giuliano, in particolare di mascherine, anzi, nel tempo
sarebbero più di un milione i dpi posti sotto sequestro. I dispositivi sarebbero giunti a Trieste dalla Turchia,
destinati a un fornitore milanese che si sarebbe dichiarato
parte lesa nella vicenda. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.