This content is not available in your region

Covid: protesta partite Iva, condannati a morte certa

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Flash mob a Torino davanti all'Agenzia delle Entrate
Flash mob a Torino davanti all'Agenzia delle Entrate

(ANSA) – TORINO, 17 MAR – “Siamo condannati a morte certa”.
È il grido di dolore delle partite Iva che hanno manifestato a
Torino, davanti all’Agenzia delle Entrare. Un’iniziativa
organizzata dalle sigle PIL-Partite Iva Libere Piemonte,
FIPI-Futuro Italiano Partite Iva, Movimento Nazionale Italiano e
Amici d’Italia.” “Vogliamo indennità e indennizzi – chiedono i manifestanti -
oltre gli stralci e saldi delle cartelle. È impossibile
continuare a pagare le rate delle cartelle. Bisogna congelare i
pagamenti, tenendo conto della nostra situazione. Ci troviamo
davanti ogni giorno alla scelta se mangiare o pagare”. “Ormai è da un anno che subiamo solo misure restrittive e
chiusure, con gravissimo danno alle nostre già precarie attività
e condizioni economiche – osserva Beba Pucciatti, presidente di
Fipi, associazione che conta oltre 2.600 partite Iva. “Non serve
a nulla sospendere i termini di riscossione delle cartelle
esattoriali senza che vengano congelati gli interessi”. C‘è chi ha dovuto chiudere l’attività, come una barista che
aveva il locale in corso Duca degli Abruzzi: “Non sono riuscita
ad andare avanti, con tutte queste chiusure non riuscivo a
pagare l’affitto”, racconta. La manifestazione torinese si è
svolta in contemporanea con altre città italiane. “Ho cantieri
bloccati – sottolinea Enzo Macrì, ingegnere di 57 anni – come
credono che si possa andare avanti in questa maniera?”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.