ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

>ANSA-IL-PUNTO/COVID: Sardegna, ancora numeri da zona bianca

Tasso positività 0,7%, ma ora timori per assalto da zone rosse
Tasso positività 0,7%, ma ora timori per assalto da zone rosse
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – CAGLIARI, 17 MAR – Restano stabili i casi di
positività al Covid-19 in Sardegna dall’inizio dell’emergenza:
nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono
stati rilevati 92 nuovi contagi (ieri erano 79, ma con meno
tamponi) a seguito di 12.190 test con un tasso di positività
dello 0,7% (ieri era dello 0,9%).
Nell’isola si registrano anche due nuovi decessi (1.200 in
tutto). Sono, invece, 163 i pazienti attualmente ricoverati in
ospedale in reparti non intensivi (-9), mentre restano 29 i
pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento
domiciliare sono 12.627. I guariti sono complessivamente 28.520
(+87), mentre le persone dichiarate guarite clinicamente
nell’Isola sono attualmente 185.
Sul fronte vaccini, i segretari generali dei pensionati di Cgil,
Cisl e Uil Marco Grecu, Adalberto Farina e Maria Giuseppa
Speziga, denunciano una “campagna vaccinale a rilento sugli over
80 in Sardegna,”. Dopo un sit-in davanti al Consiglio regionale,
i sindacati sono stati ricevuti dai capigruppo e dal presidente
dell’Assemblea Michele Pais. “Gli ultraottantenni vaccinati sono
appena 18mila su un totale di circa 115mila. E’ necessario
accelerare i tempi magari perfezionando l’accordo con i medici
di base”, hanno dichiarato i rappresentanti dei pensionati.
Ma proprio oggi l’Assl di Sassari ha reso noto che ha toccato
quota 5mila prime dosi somministrate la campagna di vaccinazione
anti Covid degli over 80 nei vari presidi del territorio.
Intanto è attesa nelle prossime ore l’adozione di una nuova
ordinanza da parte della Regione Sardegna, unica in zona bianca
in tutta Italia, per inasprire i controlli in ingresso
nell’Isola per evitare l’assalto alle seconde case per Pasqua,
controlli già in vigore da lunedì 8 marzo. Per evitare che i
passeggeri possano sfuggire alle verifiche, il governatore
Christian Solinas sta predisponendo un’ulteriore stretta che
dovrebbe prevedere l’operatività di tutte le forze in capo alla
Regione, dai forestali ai barracelli.
E c‘è anche il primo atto ufficiale di un sindaco, Ignazio Locci
di Sant’Antioco che ha firmato un’ordinanza che prevede da
domani l’obbligo di quarantena per 10 giorni anche se si è in
possesso di tampone antigenico-rapido negativo. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.